Tu sei qui

SBK, Davies: la V4 è arrivata nel momento perfetto per battere Rea

Chaz: "la nuova Ducati ha portato in tutta la squadra una rinnovata motivazione. Le tre gare nel weekend? Per me non cambierà nulla"

SBK: Davies: la V4 è arrivata nel momento perfetto per battere Rea

Chaz Davies voleva mandare in pensione il motore bicilindrico della sua Panigale R con un titolo iridato ma, anche quest’anno, il forte gallese pilota Ducati ha ottenuto un secondo posto in campionato, ottimo, tuttavia non valevole per la tabella numero 1.

Considerando i risultati ottenuti dal 2012 a fine 2018, l'oggi trentunenne di Knighton è stato per tre volte vicecampione, sempre con una Rossa di Borgo Panigale. I successi centrati nella passata stagione sono arrivati in Thailandia e ad Aragon e, da Assen in avanti, vanno aggiunti sei podi, ma non più quello più alto.

 “Abbiamo lottato duramente dal primo all’ultimo weekend - svela il 7 - incontrando alcune difficoltà. Siamo partiti centrando ottimi risultati, alcuni addirittura migliori se paragonati alla stagione 2017, poi abbiamo faticato. Dopo la pausa estiva, infatti, abbiamo capito come il campionato si stesse rivelando per noi più duro del previsto. Alla fine abbiamo portato a casa una seconda posizione, sono ancora vicecampione. Non era esattamente il target mio e della squadra, però sappiamo dove possiamo migliorare durante l’inverno”.

Inverno da dedicare alla nuova arrivata V4, la prima quattro cilindri schierate nelle derivata dalla azienda bolognese.

Sono veramente contento di come siano andati in test in Spagna. Avevamo una Ducati davvero tutta nuova, un progetto giovane ed ancora da sviluppare. La V4R potrà godere di un potenziale di competitività alto, le prime sensazioni alla guida sono state positive, la base sulla quale lavorare è solida e ci dovremo dare da fare tutti per portare avanti perché poter godere di un progetto dal potenziale alto non è sufficiente: sarà il lavoro con la squadra a far migliorare la nostra moto”.

Nei test hai incrociato le traiettorie con Rea ed Haslam?

“No, non mi è capitato. Ero concentrato su ciò che dovevo fare per capire la moto ed individuarne i punti forti. Ovviamente, si sa che il team KRT scenderà in pista per vincere ancora, Johnny e Leon costituiranno una coppia forte e completa, anche se devo dire che il mio goal e quello del team è sempre il solito: vogliamo stare davanti a tutti. L’obiettivo consiste nel vincere più gare possibili ed il campionato mondiale. Desideriamo battere Johnny Rea e la Kawasaki, io penso che la V4 sia arrivata in un momento perfetto per noi. La nuova Ducati porta una rinnovata motivazione in tutta la squadra, siamo eccitati e pronti alla sfida 2019”.

Il format che prevede tre corse per weekend non turba più di tanto Chaz.

Sinceramente, per me non cambierà granché. Il mio lavoro consiste nel guidare la moto ed essere più veloce che posso, facendo del mio meglio sempre. Questo nuovo format sarà interessante per il pubblico ed i fans. Gli spettatori potranno assistere a più azione, specialmente di domenica e lo show sarà di alto livello. Magari per noi piloti sarà un pò più complicato ed impegnativo e, comunque saranno i risultati finali, anche avendo tre vincitori diversi tra sabato e domenica, la gente non farà confusione nel capire chi è stato il più forte e veloce del round in questione”.

 

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti