Tu sei qui

MotoGP, Phillip Island: Iannone mette tutti in riga nel warm up

Alle sue spalle le Yamaha di Vinales e Zarco, poi Dovizioso e Marquez, Rossi solo 17°. Rodrigo e Binder i più veloci in Moto3 e Moto2

MotoGP: Phillip Island: Iannone mette tutti in riga nel warm up

Andrea Iannone si è confermato anche nel warm up mettendo in riga tutti con il tempo di 1’29”254 (circa 4 decimi meglio di quanto aveva fatto ieri in qualifica). Il riferimento piazzato dal pilota della Suzuki è la conferma delle buone condizioni della pista nonostante le temperature più basse rispetto ai giorni scorsi. Andrea ha anche potuto sfruttare la gomma morbida al posteriore, una scelta in controtendenza perché la maggior parte dei piloti ha preferito usare la dura.

A iniziare da Vinales, autore del 2° tempo a 0”329 da Iannone, un’altra Yamaha è al 3° posto, quella di Zarco, anche lui con la morbida al posteriore (il gap è di 0”688). Quarta posizione per la Ducati di Andrea Dovizioso, che ha preceduto Marc Marquez e Alex Rins (ultimo dei piloti a mantenere il distacco sotto il secondo).

Sorpresa KTM con Pol Espargarò in 7ª posizione (soft anche per lui), mentre Petrucci è 8° davanti al compagno di squadra Miller e a Smith. Appena fuori dai 10 Franco Morbidelli, che ha l’Aprilia di Aleix Espargarò alle sue spalle, poi ci sono Syahrin e Bautista (scivolato senza conseguenze alla curva 4).

Warm up per nulla positivo per Valentino Rossi, relegato al 17° posto con un ritardo di 1”631, peggio ancora Pedrosa, 19°.


MOTO3 - In Moto3 è stato Gabriel Rodrigo a mettere la sua KTM davanti a tutti nel warm up con il tempo di 1’36”984. Alle sua spalle le Honda di Canet e Arbolino, mentre Bezzecchi (dopo delle qualifiche sottotono) sembra avere imboccato la strada giusta ed è 5° davanti ai due piloti di Leopard Bastianini e Dalla Porta e a Fabio Di Giannantonio. Ottava posizione per Martin, che precede Sasaki e Oetti.

Gli altri italiani: 12° Foggia, 15° Migno, 20 Montella, 24° Vietti (scivolato alla curva 4), 27° Nepa.

MOTO2 - Per soli 2 millesimi, sotto alla bandiera a scacchi, Brad Binder ha soffiato ad Alex Marquez il primo posto nel warm up (1’33”628 il suo crono), mentre Raffin è 3° a meno di un decimo dal sudafricano. Quarto posto per il poleman Mattia Pasini, davanti a Fernandez, Lecuon, Mirt, Schrotter, Gardner e Quartarato.

Fuori dalla top ten è Bagnaia, autore dell’11° tempo, ma il suo diretto rivale in campionato ha fatto peggio: Oliveira è 20°.

Gli altri italiani: 14° Marini, 16° Corsi, 19° Locatelli, 22° Baldassarri, 27° Fuligni.

Stefano Manzi, dopo la brutta botta al polso rimediata ieri nelle qualifiche, non ha preso parte al warm up e sta valutando insieme alla squadra se parteciperà alla gara.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti