Tu sei qui

MotoGP, Disastro a Phillip Island: olio in pista, prove ritardate

Stefano Nepa rompe il motore nei primi minuti della FP1 Moto3 costringendo i commissari ad esporre bandiera rossa e modificare il programma della giornata

MotoGP: Disastro a Phillip Island: olio in pista, prove ritardate

Partito con il piede sbagliato il fine settimana a Phillip Island, con una bandiera rossa nei primi minuti della FP1 Moto3 dovuta alla perdita di olio in pista per la rottura del motore di Stefano Nepa. Il pilota del Team CIP si è reso conto tardi che dalla sua carena stava fuoriuscendo un grosso quantitativo di olio, ed ha proseguito in pista per un tratto abbastanza lungo, inondando di fatto le curve tra la 3 e la 9, uno dei tratti più veloci della pista australiana.

Diversi piloti hanno segnalato la presenza di olio in pista, portando i commissari ad esporre bandiera rossa. Marco Bezzecchi è stato anche vittima di una caduta scivolando sull'olio della moto di Nepa, senza per fortuna riportare conseguenze fisiche. 

Dopo circa due ore dedicate al ripristino delle condizioni dell'asfalto, è stata ridata bandiera verde per terminare il programma delle prove libere, con una nuova tabella oraria che è stata modificata in questo modo:

Programma FP1 aggiornato

Moto3 - 3:20 - 3:50

Moto2 - 4:00 - 4:40

MotoGP - 4:50 - 5:35

Anche il programma delle FP2 ha subito uno slittamento di orario, seguendo questa nuova tabella di marcia 

Programma FP2 aggiornato

Moto3 - 5:45 - 6:20

Moto2 - 6:30 - 7:10

MotoGP - 7:20 - 8:05

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti