Tu sei qui

SBK, FP2, Kawasaki detta legge con Rea e Sykes, 3° Melandri

Il Cannibale precede il compagno di due decimi, 5° Davies, seguito da Savadori e Camier, 9° van der Mark, fuori dalla top ten Rinaldi

SBK: FP2, Kawasaki detta legge con Rea e Sykes, 3° Melandri

La pista si asciuga e allora si può iniziare a spingere sull’acceleratore. Così, nella seconda sessione di libere, ecco uscire allo scoperto le Kawasaki di Rea e Sykes. Il Cannibale fisse il riferimento del turno in 1’59”448, precedendo di due decimi il compagno (+0.223). Segnali incoraggianti giungono poi dalla Ducati. Già, perché Marco Melandri (+0.347)ha fatto capire che a Brno la musica sarà ben diversa rispetto al Regno Unito e il terzo crono davanti alla Yamaha di Alex Lowes (+0.469) è un indizio da non sottovalutare.

A sorpresa è il britannico il più veloce in sella alla R1, tanto da precedere di soli 53 millesimi la Panigale di Chaz Davies, mentre solo nono Michael van der Mark (+0.795), costretto a fare i conti con un gap dalla vetta che arriva a sfiorare gli otto decimi. Nelle prime posizioni c’è anche spazio per Lorenzo Savadori (+0.623). Reduce da un positivo round a Donington, l’alfiere Milwaukee porta l’Aprilia RSV4 al sesto posto, rifilando 156 millesimi alla Honda di Leon Camier, seguita a sua volta dalla BMW di Loris Baz. Nella top ten anche Eugene Laverty (+1.025), nonostante un secondo di distacco dalla prestazione di Rea, seguito dalla Rossa di Michael Ruben Rinaldi.

Sessione in ombra per quanto riguarda invece Jordi Torres, soltanto quattordicesimo con la MV Agusta alle spalle della Panigale di Xavi Forés. Addirittura diciassettesimo Toprak Razgatlioglu, verso cui non mancano le aspettative dopo il podio conseguito due settimane fa a Donington.

C’è da sottolineare che Honda, MV Agusta e BMW hanno potuto sfruttare il nuovo regolamento che prevede di alzare a 250 giri il limitatore.

   

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti