Tu sei qui

MotoGP, Marquez torna a ruggire nel warmup, 2° Iannone

Terzo Pedrosa seguito da Miller, 6° Dovizioso poi Crutchlow, Morbidelli, Zarco e Lorenzo, fuori dai primi dieci le Yamaha di Vinales e Rossi

MotoGP: Marquez torna a ruggire nel warmup, 2° Iannone

Era l’ultima occasione per affilare le armi in vista della gara e Marc Marquez ci ha tenuto a mandare un messaggio chiaro. Il pilota spagnolo, che in gara scatterà dalla quinta casella, sigla il riferimento nel warmup della domenica mattina, grazie al crono di 1’38”687. Il 93 mostra grande competitività con la gomma media, rivelandosi imprendibile sul passo gara. L’unica nota stonata della domenica è la caduta rimediata alla curva sei, che lo ha costretto a terminare in anticipo il turno.

Oltre a Marc anche il compagno Dani Pedrosa è stato vittima di una scivolata nel corso del giro conclusivo. Nulla di grave per il connazionale, che archivia il warmup col terzo tempo a  poco più di due decimi dalla vetta (+0.252). Di sicuro non manca un pizzico di rammarico sul volto di Dani, dal momento che il pilota stava migliorando la prestazione di Marc.

Tra le due Honda si inserisce invece la Suzuki di Andrea Iannone (+0.201), che conferma la propria competitività sul tracciato spagnolo, sfruttando lo pneumatico duro. Chiamate a rincorrere invece le Ducati di Andrea Dovizioso (+0.460) e Jorge Lorenzo (+0.593), rispettivamente sesto e decimo. Entrambi hanno lavorato sul passo gara, affidandosi allo penumatico medio. Rimanendo in tema Ducati è andata sicuramente meglio a Jack Miller (+0.277), capace di agguantare la quarta piazza precedendo di 77 millesimi un sorprendente Karel Abraham.

Turno in ombra per quanto riguarda invece le Yamaha ufficiali. Già, perché Maverick Vinales (+0.604) e Valentino Rossi (+0.650) hanno infatti confermato i propri limiti già emersi sul tracciato spagnolo, in particolare per quanto riguarda l’aderenza. La M1 fatica in scorrevolezza e il dodicesimo e tredicesimo crono realizzato dai piloti ne è la dimostrazione. A tenere alta la bandiera Yamaha è quindi Johann Zarco, che oggi scatterà dalla prima fila.   

Il francese archivia il turno col settimo tempo alle spalle di un sorprendente Franco Morbidelli (+0.549), preceduto a sua volta dal poleman di Jerez, Cal Crutchlow (+0.511). Rimane invece fuori dalla top ten Alex Rins, mentre 14^ l’Aprilia di Aleix Espargarò, soltanto 17° Danilo Petrucci.   

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti