Tu sei qui

MotoGP, Dovizioso: la caduta? ho pensato solo ai punti persi

"Sia Lorenzo sia Pedrosa hanno fatto un errore. Un GP esagerato, ora gli avversari hanno più paura. Per il rinnovo dovrete aspettare"

MotoGP: Dovizioso: la caduta? ho pensato solo ai punti persi

Dovizioso riesce a sintetizzare in un’unica (ed efficace) immagine il momento in cui è finito a terra alla curva Dy Sack di Jerez: “ho sentito la moto scivolarmi dalle mani e allo stesso modo i 20 punti che potevo portare a casa”. A volte il diavolo di mette lo zampino e un semplice “lungo” si è trasformato in un disastro che pesa come un macigno sulla classifica. Tutto stava andando bene, meglio di quanto ci si potesse immaginare, ma in una frazione di secondo il sogno si è trasformato in incubo.

Andrea, qual è la tua versione?
Quando si cade, significa che qualcuno ha commesso un errore: in questo caso sia Dani sia Jorge. Pedrosa era dietro di noi e quindi doveva gestire meglio la situazione, la sua traiettoria in curva era normale ma è entrato piò veloce del solito. Lorenzo, invece, non ha controllato prima di rientrare in traiettoria e la sua manovra è stata un po’ troppo veloce”.

Dividi le colpe a metà?
Direi che l’errore più grande lo ha commesso Dani, c’è stata una combinazione di sbagli che ha portato a quello che è successo. Alla fine è stato un incidente di gara, ma sono i piloti davanti a decidere le traiettorie. Dividete le percentuali di colpe come volete”.

Servirebbero delle penalizzazioni?
Non direi, ma dipende sempre dal punto di vista. Io vado a casa con 0 punti invece di 20. Dopo l’Argentina avevano promesso maggiore severità, ma penso che una penalizzazione per quello che è successo oggi sarebbe troppo. Nessuno ha fatto qualcosa oltre al limite. Inoltre sono due piloti che solitamente non fanno cavolate, quindi c’è meno rabbia”.

A cosa hai pensato quando ti sei ritrovato a terra?
Solo ai punti persi. Io sono un pilota da campionato e normalmente porto a casa il massimo da ogni gara. Sapevo di potere arrivare secondo, avevo quello in testa, e mi è caduto il mondo addosso”.

Avevi anche la possibilità di vincere?
“In quel momento non più, perché Lorenzo non voleva farmi passare: era lento a centro curva ma forte in accelerazione. Eravamo tutti al limite con la gomma anteriore, per quello mi è servito così tanto tempo per crearmi un’occasione, non volevo commettere errori”.

Pensi che Lorenzo abbia fatto troppo ostruzionismo nei tuoi confronti?
Ogni pilota la pensa in modo diverso, io non mi sarei comportato come ha fatto lui. Comunque non ha nessun senso parlare di giochi di squadra alla quarta gara”.

Parliamo degli aspetti positivi: stavi facendo una bellissima gara.
Credo che per come è andato questo fine settimana, abbiamo messo più paura ai nostri avversari. Non parlo solo della gara, ma di come ho gestito l’intero Gran Premio. Sfido chiunque a prendere sette decimi il sabato mattina e poi riuscire a giocarsi la gara il giorno dopo”.

Cosa è successo rispetto ad Austin?
Ho le mie idee sul perché della nostra velocità qui, ma non una risposta certa. Ci sono diversi fattori da analizzare, le gomme, la carena con le ali, sono tutti fattori che influenzano le prestazioni. Non riesco a dire bugie e quindi non sostengo che da ora in poi potremo giocarci la vittoria tutte le domeniche”.

Però…
Vado a casa molto sereno, è stato un fine settimana difficile ma esagerato”.

Lo svantaggio in classifica da Marquez si può recuperare?
Gli errori capitano a tutti e i conti si fanno a fine anno. Nessuno può dire cosa accadrà, cioè che è importante per me è avere la situazione in mano. Se sarò veloce dipenderà tutto da me e penso di avere l’esperienza e la bravura per gestire la situazione.

Parlando di futuro: è passato un altro Gran Premio e non c’è ancora la tua firma sul rinnovo con Ducati…
Aspettiamo ancora qualche giorno, o qualche settimana. Non siamo così lontani dalla conclusione e le trattative stanno continuando. Rimango dell’idea che non si sarebbe dovuti arrivare a questo punto ma stiamo tranquilli. Tra un po’ saprete come andrà”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti