Tu sei qui

MotoGP, Rossi: a Jerez capiremo il potenziale della M1

"Voglio migliorare e lottare per il campionato". Vinales: "ho cambiato mentalità e punto alla vittoria nella gara di casa"

MotoGP: Rossi: a Jerez capiremo il potenziale della M1


Se comparato a quello del 2017, l’inizio campionato per la Yamaha è stato abbastanza deludente, con un podio a testa per Valentino e Vinales e nessuna vittoria. Messo in archivio il trittico fuori dall’Europa, la M1 deve dimostrare da ora in poi di essere tornata agli antichi splendori.

Fra gli uomini in blu c’è un cauto ottimismo, perché qualche miglioramento si è visto ma è tutto da capire se sarà abbastanza per giocare ad armi pari con Ducati e, soprattutto, Honda. Quello di Jerez, quindi, sarà un fine settimana che potrebbe chiarire le idee ed entrambi i piloti lo sanno bene.

A partire da Rossi, che nella classe regina ha vinto 7 volte il GP di Spagna e che ricorda bene le difficoltà patite 12 mesi fa.

“Sono felice di tornare in Europa. Le prime gare non sono andate molto bene ma abbiamo provato qualcosa di positivo. La nostra M1 sta migliorando e ora arriviamo a Jerez, una pista molto importante per capire il nostro potenziale - sottolinea - L’anno scorso avevamo faticato molto, ma penso che potremo fare meglio”.

C’è bisogno di risultati e il Dottore non si tira indietro.

“Jerez è una pista che mi piace molto, ho fatto delle belle fare e sarei felice se tornassi sul podio - l’obiettivo - Io e la mia squadra lavoreremo sodo per trovare il migliore setup e per capire il comportamento della moto con il nuovo asfalto. Lunedì, inoltre, ci sarà un test importante. Voglio migliorare e lottare per questo campionato”.

VINALES: HO CAMBIATO MENTALITÀ -Anche Maverick Vinales è carico dopo la buona trasferta in Texas. Lo spagnolo sembra avere ritrovato fiducia e sicurezza e deve continuare sulla strada intrapresa in America.

Dopo il podio ad Austin posso dire di essere felice in generale, la mia mentalità è cambiata molto nelle scorse gare - rivela - Ora sono concentrato sul prossimo GP a Jerez, sono molto motivato e positivo ed è un bene per recuperare quelle sensazioni che avevo lo scorso anno a inizio stagione”.

La gara di casa potrebbe dargli un’ulteriore, importante, spinta per raggiungere i suoi obiettivi.

L’anno scorso la gara di Jerez era stata difficile per me. Avevo sofferto molto perché avevo avuto dei problemi con la gomma anteriore, ma ora abbiamo più informazioni per essere ancora più forti che negli ultimi fine settimana e lavorerò sodo per salire di nuovo sul podio. Il nuovo asfalto ha più aderenza, perciò sono abbastanza positivo. Non vedo l’ora di arrivare in pista a Jerez, una delle mie gare di casa e uno dei circuiti che mi piacciono davvero e dove mi diverto a guidare. Punto alla vittoria e spingerò per riuscirci. Il sostegno dei miei tifosi mi aiuterà per il resto”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti