Supercross: Tickle sospeso per doping

La FIM ha deciso il provvedimento dopo che il pilota è stato trovato positivo a una sostanza stimolante

Share


Solo poche settimane fa, Cal Crutchlow aveva sollevato un appello per aumentare i controlli antidoping in MotoGP e i suoi colleghi erano stati d’accordo con la proposta. I test, negli sport motoristici, esistono già e, a volte, sembrano funzionare.

La FIM ha infatti informato tramite un comunicato la sospensione provvisoria di Broc Tickle, pilota che corre nell’AMA Supercross e che è stato trovato positivo al 2-Amino-5-metilesano una sostanza che fa parte della categorie degli stimolanti.

A comunicare i risultati alla Federazione è stato un laboratorio di Cologna accreditata dalla WADA che aveva preso in carico per le analisi un campione di urina dell’atleta, prelevato il 10 febbraio dopo la gara di San Diego.

In attesa della verifica su un secondo campione, la FIM ha deciso di sospendere Tickle.

Non è la prima volta di una caso di doping nel Supercross: nel 2015 James Stewart era stato squalificato per 16 mesi dopo essere stato trovato positivo all’amfetamina.

Share

Articoli che potrebbero interessarti