Tu sei qui

Moto2, Pasini domina le FP1 in Argentina

Miglior tempo per il pilota Italtrans, con Oliveira e Bagnaia nei primi tre. 8° Mir, 10° Baldassarri

Moto2: Pasini domina le FP1 in Argentina

Ogni pilota trova il limite a modo proprio e Mattia Pasini - sfiorando un highside in uscita di curva, esibendo un colpo di gamba alta in pieno “stile Heather Parisi” – lo ha fatto, capendo quanto e come fosse scivoloso l’asfalto di Termas de Rio Hondo.

Grazie a quel numero circense, Mattia ha stabilito i parametri del suo fondoschiena e del polso che governa il comando del gas della Kalex numero 54, portandola in vetta con il crono di 1’44”461:sono rimasto in piedi tenendo la moto per i capelli – ha sorriso una volta arrivato nel garage Italtrans – e poi, nei giri buoni, ho potuto sfruttare l’ottimo lavoro svolto dal team”.

Dopo il romagnolo, il portoghese Miguel Oliveira con la KTM numero 44, a 170 millesimi da Mattia; Francesco Bagnaia, vincitore del primo Gran Premio in Qatar, è terzo con la Kalex Sky VR46.

Altra KTM, quella del sudafricano Brad Binder, in quarta posizione, a quasi tre decimi da Pasini; l’ex Campione del Mondo Moto3 ha iniziato la stagione con più piglio rispetto a quella scorsa; Isaac Vinales – fratellino di Maverick – ha il quinto crono.

Un altro ex Campione del Mondo Moto3 è Danny Kent, sesto con la Speed Up, ed il Campione in carica della entry class – Joan Mir – che ha siglato l’ottavo tempo con la moto guidata da Franco Morbidelli lo scorso anno, seppur più evoluta.

Nono lo spazzolatore folle, sempre in derapata, Sam Lowes, prima di Lorenzo Baldassarri, decimo; il marchigiano lo ha detto: “voglio ripetere la gara di Losail” – ovvero – vuole giocarsi la vittoria anche in Argentina.

Tredicesimo un “tranquillo” Alex Marquez che, forse, ha capito quanto nelle prove libere convenga lavorare su un assetto gara che preservi le gomme dal primo all’ultimo passaggio; quattordicesimo Luca Marini, il corpulento Stefano Manzi è sedicesimo.

Diciannovesima prestazione per Simone Corsi, ventunesima per il baffuto Romano Fenati, per la prima volta su questa pista con la Moto2. Non si vedono – attualmente – miglioramenti per Andrea Locatelli, oggi con il ventiseiesimo tempo, Federico Fuligni è penultimo, prima del francese Danilo, che è anche caduto.

 

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti