Tu sei qui

SBK, SSP: Mahias comanda, Sofuoglu cade

In Australia il francese è ancora il migliore, Kenan vola a terra e viene portato al centro medico. Cortese e Cluzel nei primi tre, 7° Caricasulo

SBK: SSP: Mahias comanda, Sofuoglu cade

Lucas Mahias continua a martellare, piazzando ancora la Yamaha R6 in testa alla classifica finale del terzo turno di prove libere Supersport 600, in una sessione interrota a causa della caduta del rivale Sofuoglu. In Australia il francese, Campione del Mondo in carica, ha siglato il tempo di 1’33”847 facendo ben sperare il team GRT in un successo nella gara di domani. 

Sembra che Sandro Cortese (appena arrivato dalla Moto2) abbia trovato subito la dimensione giusta in questo campionato ed il secondo tempo della sessione – ad un decimo circa da Mahias – lo pone come uno dei favoriti del weekend australiano.

Terza posizione nella tabella per Julies Cluzel; con il francese, un altro dominio della quattro cilindri di Iwata, per ora la moto da battere. Anthony West è un osso duro sempre, figuriamoci sulla pista di casa: quarto crono per il folle e veloce australiano con la sua Ninja e super privata Kawasaki.

Krummenacher, Sofuoglu e Caricasulo sono tre piloti che partono per vincere gara inaugurale a campionato; quinto è lo svizzero, sesto il pluricampione turco, autore del volo che alla Curva 3 che ha costretto lui ad un controllo presso il centro medico ed alla bandiera a scacchi la direzione gara, settimo il giovane ravennate, pupillo di Marco Melandri.

Ottavo tempo per Raffaele De Rosa, al momento il più in forma dei piloti motorizzati MV Agusta; sempre spettacolare il britannico Luke Stapleford con la Triumph 3 cilindri, decimo Badovini con la MV del team Vamag.

Uno dei pochi giapponesi al via in una competizione internazionale è Hikari Okubo, piccolo ma cazzuto in undicesima posizione; il belga Loris Cresson è appena dietro, quattordicesimo crono per l’austriaco Gradinger e la sua Yamaha R6. Sempre attardato Mike Di Meglio, che non trova vita facile in mezzo agli scatenati piloti della 600 Supersport, Canducci è ventunesimo, l’australiano di origine greca Lachlan Epis precede l’ultimo piazzato Stefan Hill, tornato in sella dopo la botta rimediata ieri. Dopo un secondo controllo, il centro medico ha dichiarato "unfit" il pilota inglese, che dovrà quindi rinunciare alla Superpole.

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti