Tu sei qui

MotoGP, Marquez: il record di Lorenzo? Conta solo il passo gara

Marc non è impressionato da Jorge sulla Ducati: "io sono cambiato, rischio quando mi sento pronto a farlo"

MotoGP: Marquez: il record di Lorenzo? Conta solo il passo gara


Non fissate lo sguardo (solo) solo sul settimo tempo di Marquez nella terza giornata di test in Malesia. Il Campione del Mondo ed il team Honda sanno benissimo in quale direzione andare, e che tempistiche rispettare, per arrivare alla vetta.

Proprio il numero 93 lo spiega:prima guardavo sempre il monitor dei cronologici e tentavo l’attacco in ogni situazione -spiega Marc- poi, negli anni, ho modificato la mia strategia, dedicando più tempo alla ricerca dell’assetto ideale, percorrendo molti long run. Prima rischiavo di più, adesso sono cambiato, rischio solo quando mi sento pronto per farlo. Ovviamente, tutti voi guardate il mio tempo di oggi, ma io vi dico che non abbiamo cercato la prestazione assoluta, preferendo invece provare tante novità sulla RC 213V. Ho fatto un long run con la temperatura giornaliera più alta, ed il mio ritmo era buono. Sono contento di come è iniziata la stagione di test, ora andremo in Thailandia per vedere a che punto siamo”.

In questi giorni avevi aerodinamica e motori nuovi, tutti da sviluppare…

Al momento, la nuova carenatura ci offre diversi dubbi e qualche punto di domanda ai quali rispondere. Andremo a provarla su altre piste: la nuova carena è abbastanza estrema, al limite del regolamento tecnico. Dobbiamo omologare un tipo di aerodinamica per la prima parte di stagione, è difficile farlo, ma decideremo. Sono contento del nuovo motore, non è ancora al 100% del suo potenziale, però io, Dani e Cal stiamo lavorando in tre differenti vie per svilupparlo e capire più cose possibili”.

Come si comportava la tua moto con questo caldo?

“Ho percorso molti giri per capire il comportamento e l’usura delle gomme. Ho notato che l’erogazione della potenza è ancora troppo brusca ed aggressiva, abbiamo provato e lavoreremo ancora per avere una potenza che sia più ‘smooth’ possibile, cioè, coi cavalli che arrivano in maniera dolce e progressiva. La scelta definitiva inerente al motore da usare verrà presa ascoltando le impressioni fornite da me, da Pedrosa e Crutchlow. Noi tre lavoreremo in tre vie diverse, per trovare la medesima direzione”.

Ti ha impressionato il record stampato da Lorenzo con la Ducati?

Noi sappiamo quanto Jorge e la Ducati siano forti a Sepang. Molti piloti sono veloci su questa pista, infatti, ogni anno veniamo in Malesia e diciamo: ‘oh, ma quanti piloti sono già veloci’. A dire il vero, ciò che conta è porre le giuste basi in vista del primo Gran Premio in Qatar e delle restanti gare in calendario. La cosa più importante di tutte è il passo gara che si riesce ad esprimere”.

 

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti