Tu sei qui

Aprilia: un motore 1100 per la RSV4?

La fine del 2018  sarà il momento per una evoluzione dell'attuale 4 cilindri e da Noale potrebbe arrivare la doppia cilindrata 1000/1100

News Prodotto: Aprilia: un motore 1100 per la RSV4?

Nonostante sia da 8 stagioni sulla breccia è riconosciuta unanimamente ancora come una delle migliori SBK replica in circolazione. L'Aprilia RSV4 presentata nell'ormai lontano 2009, salvo qualche aggiornamento -con ultimo la versione RF arrivata nel 2015- è un grande esempio di longevità nelle linee oltre a caratteristiche tecniche tutt'altro che superate. Forte di un telaio e di un motore ai vertici per qualità e doti dinamiche, la supersportiva di Noale è ancora oggi apprezzata e termine di paragone per i tanti appassionati che ne apprezzano le grandi qualità, soprattutto nell'utilizzo in pista.
Nonostante questo però i tempi sono ormai maturi per una evoluzione significativa del modello, più di quanto fatto un paio di stagioni fa con l'introduzione della RF. Anche considerando che, restando l'impegno in SBK, qualcosa sembra necessario fare per tornare ai fasti passati.

DOPPIA VERSIONE - Come già visto per la rivale "tricolore" Ducati Panigale V4, anche per la futura RSV4 potrebbe arrivare la doppia cilindrata per il motore, con un 1100 pronto (come già visto per la roadster Tuono V4) a dare il meglio di sè su strada, ed un 1000 invece approntato ad hoc per le competizioni. 
In questo modo è più semplice il lavoro dei tecnici nel cercare le prestazioni di punta senza eccessive complessità tecniche, necessarie per rientrare nelle norme EURO 4. L'aumento di cubatura, per la versione "stradale", porterebbe ad una potenza massima che ragionevolmente si può ipotizzare attorno ai 210- 215 CV, valori in linea con la concorrenza bolognese.

Il telaio non dovrebbe discostarsi molto dall'attuale schema, salvo inevitabili modifiche di irrigidimento della struttura volte anche a migliorarne le già notevoli prestazioni. Molta curiosità ruota attorno alle forme di quella che sarà la RSV4 2019. Al momento è impossibile azzardare ipotesi attendibili, ma certo è che, pur trovandoci davanti ad una delle linee più efficaci (dal punto di vista estetico/funzionale) oggi in circolazione, un aggiornamento è previsto anche in tal senso. E dalle parti di Noale i designer, quando vogliono, riescono sempre a sorprendere.
Il 2017 non è ancora finito, ma nella pentola per il 2018 (ed in ottica 2019) qualcosa inizia già a cuocere.

Articoli che potrebbero interessarti