Tu sei qui

MotoGP, Dovizioso: sono davanti ma è Marquez il più veloce

"Una caduta non può metterlo in crisi. Il mio piano? essere più fluido nella guida ma rimango sereno, sono partito bene"

MotoGP: Dovizioso: sono davanti ma è Marquez il più veloce

Alla fine della prima giornata, Dovizioso si trova in classifica davanti a Marquez ma Andrea sa che non è ancora vera gloria. Come spesso ripete il forlivese, la lista dei tempi non dice tutto dopo i turni di libere e anche oggi bisogna saperla interpretarla. Perciò il forlivese è contento, ma non ancora soddisfatto della sua velocità.

Sono partito bene, ma dall’altra parte le mie sensazioni in sella non sono ottime e sono consapevole che non è ancora abbastanza” spiega il Dovi.

Qual è il problema?
Marquez e Pedrosa hanno un passo migliore, sono più veloci, quindi dobbiamo capire su cosa lavorare per migliorare la mia fluidità nella guida”.

Però Marc è caduto anche oggi…
Se il campionato si decidesse per il numero di minore di scivolate, avrei stravinto (ride). Certo, significa che Marquez è al limite ma quando non lo è stato? Non penso che una caduta possa metterlo in crisi.

Quali conclusioni si possono trarre dai primi due turni?
È sempre la stessa storia, al venerdì si fanno già i pronostici per la gara ma le cose cambieranno. Domani proveremo sull’asciutto, ci sono ancora tante cose da fare. Al momento, le Honda di Marquez e Pedrosa hanno un tot di decimi di vantaggio sul passo, non siamo io e Lorenzo i più veloci”.

È andata comunque meglio del previsto, su una pista ostica?
“Se guardo alla mia posizione sì, ma non posso essere ancora contento al 100%. So che mancano ancora determinate cose”.

Quali?
Non riesco a essere ancora veloce a centro curva quanto vorrei e a uscire stretto dalle svolte, raddrizzando rapidamente la moto. Devo rendere la guida più fluida e semplice. Questa è una pista particolare, le curve hanno tutte un raggio simile e un miglioramento si riflette su tutto il giro”.

Sulle gomme hai già le idee chiare?
Al mattino ho iniziato montando la media al posteriore, per poi passare alla morbida. Ho usato quest’ultima, già usata, anche al pomeriggio e ho avuto buone sensazioni. Sembra che regga, ho fatto il mio miglior tempo all’ultimo giro”.

Sei ancora tranquillo?
Certo, come ho già detto non affronto questa gara pensando solo al risultato di domenica ma guardando a tutta la stagione e siamo andati oltre a ogni aspettativa. Sono più sereno io di tanta altra gente (ride)”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti