Tu sei qui

EICMA 2017, Kawasaki Ninja H2 SX: turismo a bomba!

La "turbocharged" di Akashi ora in veste sport tourer e due allestimenti. Emozioni forti dal suo 4 cilindri da 200 CV. Prezzi da 19.490 euro

Iscriviti al nostro canale YouTube

Quante volte, dando gas, girando la manopola, tra noi e... la moto, diciamo: "Ci vorrebbe il turbo!". La risposta ad EICMA 2017 arriva da Kawasaki, che ha preso la sportiva H2 e l'ha trasformata in un animale da mototurismo... veloce, molto veloce! La Casa di Akashi presenta dunque la nuova Ninja H2 SX, che nella versione superaccessoriata aggiunge la sigla SE. Il prezzo? Ve lo diciamo subito, si parte da 19.490 euro f.c., tanti soldi, che corrispondono però a tanta tecnologia e ad un mezzo unico nel suo genere.

BALANCED SUPERCHARGED ENGINE - Questo il nome del 998 cc, Balanced Supercharged Engine, roba che tocca prendere lezioni di inglese per non sbagliare la pronuncia! Rispetto al motore della H2, qui abbiamo diversi particolari rivisti per rendere il propulsore più docile (si fa per dire...), quali i pistoni, i cilindri e la testata rivisti, un nuovo disegno della girante, un differente sistema di aspirazione, dei corpi farfallati più piccini, che da 50 mm passano a 40, un albero motore e gli alberi a camme "meno spinti" e molto altro ancora. Sale invece il rapporto di compressione, ora a 11,2:1. Rivisto anche lo scarico, più piccino, al pari del cambio, con la primaria allungata con lo scopo di portare i consumi a dati più umani per il portafogli, visto che gli uomini Verdi, dichiarano un consumo medio di 17 Km/l. I 200 CV erogati a 11.000 giri, che diventano 210 con il sistema RAM in pressione, la dicono lunga sulla potenza di questa moto. Un missile terra-terra!

TECNOLOGIA - Non potevano mancare le solite tre mappature del motore su questa nuova H2 SX, ed il sistema fornito da Bosch, la piattafora inerziale rivista secondo specifiche Kawasaki e che prende il nome di Kawasaki Cornering Management Function. A tutto questo, vanno poi aggiunti il "solito" KTRC (controllo della trazione ed anti-wheeling), il KEBC (il freno motore) il KLCM (il launch control, disponibile per la sola SE), ed il KQS (alias quick-shifter sia a salire che a scendere di rapporto), con quest'ultimo disponibile per la sola SE).


DUE NUMERI - Per ospitare il passeggero a bordo, i telaisti hanno rivisto il traliccio ed hanno portato l'interasse a 25 mm in più rispetto alla H2. Per migliorare le manovre a bassa velocità, l'angolo di sterzo è stato portato a 30°. Il peso? 256 Kg che diventano 260 per la versione SE dotata di borse laterali. Non manca l'ormai modaiolo schermo (una volta la chiamavamo strumentazione) a colori TFT LCD multifunzione. Visto l'utilizzo, il parabrezza è stato maggiorato e, non è da sottovalutare l'esordio, per Kawasaki, di una tecnologia che punta alla sicurezza: il cornering lights a LED. Si tratta di tre luci che trovano posizione sul lato della carena e che si attivano in sequenza in base all'angolo d'inclinazione del mezzo. Rispettivamente 10°, 20° e 30°. La H2 SX sarà proposta nel colore Metallic Carbon Gray/Metallic Matte Carbon Gray, mentre SE, vedrà l'Emerald Blazed Green ed il Metallic Diablo Black.

Articoli che potrebbero interessarti