Tu sei qui

MotoGP, WUP: Marquez detta il passo sul bagnato, 6° Dovi

Vinales alle spalle di Marc, poi Pedrosa. In Moto2 Bagnaia 1° e Luthi a terra. Moto3 sotto il segno di Bendsneyder, Fenati 4° e Mir 6°

MotoGP: WUP: Marquez detta il passo sul bagnato, 6° Dovi

Share


Quando le MotoGP sono scese in pista per il Warm Up la pioggia ha smesso di cadere, anche se l’asfalto di Phillip Island è in condizioni di ‘full wet’ come dicono i piloti. A dettare il passo anche sul bagnato è stato Marc Marquez, che ha trovato un avversario inaspettato. Vinales sembra infatti avere trovato la quadra sulla sua M1 sotto la pioggia e ha chiuso al 2° posto, a 0”237 dal 1’39”085 del pilota della Honda.

Ad altri 2 decimi scarsi c’è Dani Pedrosa, che dopo un inizio turno complicato ha risalito la classifica. La festa Honda è completata dal 4° tempo di Miller, che sta facendo faville nel GP di casa nonostante una gamba fratturata e operata appena 3 settimane fa.

Quinto posto per la KTM di Pol Espargarò, già convincente sull’asciutto, mentre Dovizioso è 6°. Andrea è parso competitivo anche sull’acqua ma il ritardo da Marquez è di un secondo. Hanno invece ritrovato la strada con la pioggia sia Petrucci che Lowes, il ducatista è 7° mentre il pilota dell’Aprilia 8°. Nono Barberara davanti a un Valentino che non è sembrato essere al livello del compagno di squadra Maverick.

Problemi per Iannone, uno dei protagonista a Motegi sotto il diluvio, e nel warm up solo 12° davanti a Crutchlow, unico pilota a  essere caduto. In difficoltà anche Lorenzo, che ha continuato a usare la nuova carena, al 15° posto davanti all’Aprilia di Aleix Espargarò, a Bautista, Smith e Zarco, che partirà dalla prima fila.

MOTO2, CADE LUTHI, PRIMO BAGNAIA - La pioggia ha reso la pista di Phillip Island molto insidiosa e il primo a farne le spese è stato Tom Luthi, che si sta giocando il titolo con Morbidelli, caduto in seguito a un highside alla curva 8 nel suo primo giro. Moto da riparare, ma nessun problema per lo svizzero. Non è stato l’unico ad andare a terra: Alex Marquez è scivolato alla curva 4, Quartararo alla 6, nella ghiaia anche Marini, Navarro (due volte, entrambe alla curva 4), Schrotter (portato al centro medico per controlli), Cortese, Baldassarri, Fernandez, Pawi.

Non ha sbagliato nulla invece Francesco Bagnaia, che non solo ha tenuto un ritmo velocissimo ma si è imposto con il miglior giro in 1’46”620, 16 millesimi meglio di Cortese.

Terzo tempo per Fernandez sulla Speed Up, ma lontano quasi 7 decimi, poi Raffin, Quartararo, Aegerter, Vierge, Nakagami, Syarin e Nagashima. Simone Corsi è 11° davanti a un Morbidelli che ha fatto solo 4 giri prima di fermarsi, preferendo naturalmente non rischiare. Alle sue spalle Pasini che partirà dalla pole, poi Locatelli 15°. Gli altri italiani: Manzi 22°, Baldassarri 23°, Marini 29°.


MOTO3, BENDSNEYDER AL COMANDO, 4° FENATI E 6° MIR - Warm up sotto la pioggia battente per i piloti della Moto3 e in condizioni complicate ha chiuso in testa alla classifica Bo Bendsneyder che ha preceduto uno specialista del bagnato come McPhee. Il pilota KTM ha fatto segnare il migliore con il tempo in 1’48”733, 0”136 più più veloce del britannico che ha a sua volta preceduto per 10 millesimi Martin.

Bene Fenati, come al solito a suo agio sull’acqua con il 4° tempo davanti a Suzuki e a Mir. Lo spagnolo ha 55 punti di vantaggio in classifica su Romano e potrebbe chiudere il Mondiale già oggi.

Dietro a Joan c’è Bezzecchi con la Mahindra, già sul podio a Motegi con l’acqua, che precede Bulega, Ramirez (caduto, come anche Loi e Norrodin) e Canet. Appena fuori dalla Top Ten Migno mentre Bastianini è 13. Gli altri italiani: Di Giannatonio 16°, Dalla Porta 20°, Antonelli 21°, Pagliani 28°.

Share

Articoli che potrebbero interessarti