Tu sei qui

Moto2, De Angelis sostituisce Simeon a Silverstone

Alex torna in sella a una Moto2 dopo 3 anni: "coglierò questa opportunità con il sorriso stampato sul volto"

Moto2: De Angelis sostituisce Simeon a Silverstone

Dopo 3 anni, Alex De Angelis tornerà su una Moto2 e lo farà questo fine settimana a Silverstone con i colori del Team Tasca. Il sammarinese sostituirà infatti Xavier Simeon, che in Austria era caduto alla prima curva in gara riportando la fratture della testa dell’omero.

De Angelis è momentaneamente senza una sella dopo la rottura con il Team Pedercini con cui aveva iniziato la stagione SBK e ha approfittato dell’offera per tornare nel motomondiale.

E’ stato un enorme piacere ricevere e accettare la proposta del Team Manager Enrico Tasca per partecipare al Gran Premio di Silverstone ed è bello tornare in Moto2 con un team per il quale ho corso in passato e al quale sono ancora legato da un bel rapporto di amicizia - ha detto Alex - Rientrare nel motomondiale è un’emozione grandissima, e visto che l’ultima gara che ho corso ho dovuto lasciare il paddock in elicottero, c’è da star certi che coglierò questa chance con il sorriso stampato sul volto e con tanta voglia dare tutto ciò che ho. Un’opportunità che arriva proprio dopo l’interruzione della mia esperienza in Superbike, in un periodo nel quale sono in cerca di soluzioni per il mio futuro. Pertanto mi auguro che questa gara non sia solo fine a sé stessa, ma che si riveli un buon biglietto da visita per la prossima stagione, anche se non sarà facile tornare in sella su un circuito dove ho corso poco e senza aver svolto dei test. Nessuno si aspetta grandi risultati, ma state certi che scenderò in pista per dare il meglio e per ottenere il massimo, come del resto ho sempre fatto in vita mia”.

Il Team Manager Enrico Tasca ha aggiunto: “è fantastico poter riabbracciare un campione come Alex De Angelis e vederlo nuovamente difendere i colori di Tasca Racing nel motomondiale, anche se solo per un Gran Premio. Dopo l’infortunio al Redbull Ring abbiamo dovuto aspettare un po’ di tempo per verificare le condizioni di Xavier, ma appena ci siamo resi conto che la sostituzione a Silverstone fosse la soluzione più saggia, ho subito pensato ad Alex: un amico, un grande professionista e un grande campione. Il suo entusiasmo di tornare in Moto2 sta contagiando la squadra e tutti i nostri tifosi e sono convinto che il suo ritorno sarà uno dei capitoli più interessanti dell’intero weekend di MotoGP: saranno molti i riflettori puntati su di lui e per questo motivo non vedo l’ora di vederlo scendere in pista con la massima cattiveria agonistica per ricordare questa nuova esperienza nel migliore dei modi”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti