Tu sei qui

MotoGP, Marquez: sono veloce in tutte le condizioni

Marc spiega: "Siamo partiti da una buona base". Dani è terzo: "Miglioramenti importanti rispetto ad Assen". I due in coro: "Asfalto ottimo sull'acqua"

MotoGP: Marquez: sono veloce in tutte le condizioni

In una giornata dal meteo a dir poco imprevedibile, i due alfieri Honda si sono difesi egregiamente rimanendo nelle prime posizioni sia sull’asciutto che sul bagnato. Non che la notizia sia una novità, dati i vari successi ottenuti da Marc Marquez e Dani Pedrosa in Sassonia.

Il primo soprattutto vanta una striscia di successi invidiabile, ed anche questo weekend pare aver avuto un inizio positivo: “Siamo partiti con una buona base, cosa che quest’anno è capitata raramente; occorre comunque stare attenti, perché sicuramente la pista acquisterà sempre più grip con il passare delle sessioni ed i valori potrebbero cambiare. Questa mattina abbiamo lavorato bene, sia sul passo che sul giro secco, e nel pomeriggio con il bagnato siamo stati veloci, cosa che potrebbe risultare molto utile visto quanto cambiano velocemente le condizioni".

L’asfalto nuovo del Sachsenring era il grande punto interrogativo di questo primo giorno, ma sembra aver passato in pieno l’esame di Marc.

 “L’asfalto ha molto grip, specialmente sul bagnato dove abbiamo girato quasi quattro secondi più veloce dell’anno scorso. Anche sull’asciutto la situazione è migliorata, ma il calo delle gomme va gestito in maniera particolare. Non ho ancora una visione chiara sulle tante mescole di gomme, sia sull’anteriore che sul posteriore, anche se questa mattina mi sono trovato bene con la media davanti, dato che ho sentito maggior confidenza”.

Marc torna per un attimo anche sulla gara di Assen, in particolare sul contatto tra Zarco e Rossi: “Non credo che Zarco sia stato troppo aggressivo, credo ci sia un concorso di colpa nell’episodio. Zarco pensava di essere già davanti, ma in quel punto è davvero difficile superare; credo sia tutto sotto controllo al momento, e penso che non dovesse scusarsi per ciò che fatto. Vettel – Hamilton? Difficile giudicare, non ho l’esperienza adatta”.

Dall’altra parte del box le cose vanno nello stesso modo se non meglio per Dani Pedrosa, che ha conquistato la terza piazza sia sotto il sole che sotto la pioggia.

“Sul bagnato è andata meglio rispetto alla settimana scorsa – apre Dani - e anche sull’asciutto ho visto dei miglioramenti. Sono contento di ciò, ma bisogna ancora lavorare sia sulla moto che sulle gomme. Devo capire quale sia la gomma più adatta, non avendo avuto il tempo di fare le dovute prove, dato che nella prima parte del primo turno l’asfalto era ancora sporco, e nel pomeriggio è arrivata la pioggia. Speriamo di avere più fortuna domani con il tempo”.

Anche per il catalano resta l’incognita gomme, mentre l’asfalto è promosso: “Il nuovo asfalto mi ha piacevolmente sorpreso per il maggiore grip sul bagnato, infatti siamo stati molto più veloci rispetto all’anno scorso, ma è migliorato anche sull’asciutto. Il dashboard? Non ho provato i nuovi messaggi, lo farò in futuro”

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti