Tu sei qui

SBK, Melandri: Non ho ancora risolto i problemi della mia Ducati

Ma il ravennate è fiducioso: "Misano pista giusta per la Panigale, sono pronto e carico", Davies: "È ora di salire sul podio"

SBK: Melandri: Non ho ancora risolto i problemi della mia Ducati

Non sarà una gara come tutte le altre, perché giocherà in casa davanti al proprio pubblico. Marco Melandri è pronto a rimediare all’amarezza di Donington e Misano sembra essere il posto giusto per il riscatto. Sulla pista intitolata a Marco Simoncelli, il ravennate ha già conquistato fino ad oggi ben tre podi.

Adesso è giunto il momento di allungare la striscia: “Sono molto fiducioso in vista di questo round – ha commentato l’alfiere di Borgo Panigale - mi sento bene, sia fisicamente che mentalmente. Nei test fatti ad inizio mese abbiamo raccolto dati importanti – ha aggiunto - senza però riuscire a risolvere completamente i problemi che ci hanno rallentato negli ultimi due round”.

Nel fine settimana non mancheranno le incognite: “Mi sento sereno e ricaricato – ha svelato - sarà una gara molto calda, in condizioni difficili per tutti. La concorrenza è agguerrita, ma Misano è buona pista per la Panigale R, di conseguenza sono pronto a giocarmela”.  

Il tracciato della Riviera romagnola non ha mai visto ad oggi Chaz Davies salire sul podio. La gara del 2016 gli rimane ancora oggi impressa nella mente: “L’anno scorso eravamo particolarmente competitivi – ha ricordato - le cose però non sono girate nel verso giusto, tra una scivolata ed un contatto che mi ha spinto fuori pista”. Adesso c’è grande consapevolezza nel suo volto, soprattutto dopo i recenti test: “Sono stati molto utili, dobbiamo solo sistemare gli ultimi pezzi del puzzle ma il nostro assetto di base è stato definito e non faremo cambi radicali – ha analizzato - ripartiamo da lì, con un paio di idee per la FP1”.

Davies chiama a gran voce il pubblico in rosso: “I nostri tifosi mi danno sempre una motivazione in più – ha concluso –qua non ho mai conquistato il podio ed è arrivato il momento di aggiornare le statistiche”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti