Tu sei qui

MotoGP, Vinales: “Domani sarà la gara giusta per ritrovare la fiducia”

Il poleman di La Mans svela: “Rispetto a Jerez la Yamaha ha più aderenza e so di poter rischiare”

MotoGP: Vinales: “Domani sarà la gara giusta per ritrovare la fiducia”

È la prima pole conquistata sul campo, perché in Qatar gli era bastato essere il migliore nella combinata delle libere a causa dell’acqua che ha cancellato le qualifica. In Francia Maverick Vinales ha mandato un segnale ben chiaro alla concorrenza dopo le delusioni di Texas e Spagna. Domani il pilota Yamaha scatterà infatti davanti a tutti.

“Già nelle FP4 mi sentivo veloce, poi ho apportato alcune modifiche alla moto, senza avvertire le stesse sensazioni. Sono comunque consapevole che abbiamo tutte le carte in regola per fare una buona gara domani. Mi trovo bene con l’assetto e speriamo in una gara asciutta, confidando nel meteo”.

Che impressioni ti ha lasciato il nuovo asfalto?

“Ci sono alcuni tratti dove la pista richiede troppo tempo per asciugarsi, mentre in altri è il discorso inverso. La nostra speranza, come già detto, è che il tempo ci dia una mano”.

Arrivi a Le Mans dopo due GP al di sotto delle aspettative

“Questa è una gara importante per ritrovare fiducia. In Spagna ho avuto qualche problema all’anteriore, però sembra che qua la situazione sia diversa. C’è maggiore aderenza, voglio quindi spingere dall’inizio alla fine, prendendo tutti i rischi possibili”.

Cosa ti aspetti da questo Zarco in prima fila?

“Che lotterà fin dalla prima curva, di sicuro vorrà essere primo. Penso abbia una buona opportunità per rimanere davanti e credo sia impressionante il lavoro svolto da lui in questo periodo. L’importante è che rimanga tranquillo, domani dobbiamo essere tutti e tre sul podio”.

Alla fine dal Mugello tornerà la gomma 70 con carcassa più rigida.

“In teoria pensavo che l’opinione dei piloti fosse segreta. Ho scelto quell’opzione in più nel caso in cui la 70 non funzioni, avendo quindi un’alternativa qualora dovesse servire. Personalmente ho chiesto di aiutare tutti i piloti nel momento in cui ci sarebbero emersi problemi all’anteriore,  di sicuro la gomma soft non funzionerà più di tanto al Mugello”.

Domani correte mentre Nicky lotta ancora tra la vita e la morte. Come vive un pilota queste situazioni?

“È sempre molto difficile, era accaduto lo scorso anno con Salom. Non riesci a concentrati al 100% avendo altre cose in testa, ma l’importante è disputare una bella gara. Abbiamo mandato i nostri auguri a lui e tutta la famiglia, dedicando a Nicky questa corsa”.

Nei primi dieci c’è anche KTM. Sei sorpreso?

“Sono stati molto bravi, mi ha sorpreso molto Pol, dato che questa non è una pista semplice per una moto nuova”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti