Tu sei qui

SBK, Sykes, che siluro a Badovini: "è stato uno stupido"

Tom è molto arrabbiato con il pilota del team Grillini: "Ayrton è esperto, ma oggi ha creato grandi difficoltà agli altri piloti". Soddisfatto Rea: "ora ho un vantaggio di 74 punti"

SBK: Sykes, che siluro a Badovini: "è stato uno stupido"

Oggi Tom Sykes era abbastanza contento per il terzo gradino del podio, dopo che ieri gli era sfuggito per un soffio a favore di Marco Melandri.

Il numero 66 della Kawasaki è partito dalla pole position e ha guidato la corsa fino a quando ha potuto: “cosa posso dire? Complimenti a Davies, oggi era imprendibile per noi- ha ammesso Tom- ma ci ho provato partendo molto forte, perché sapevo che Chaz e Johnny erano velocissimi. Per alcuni giri di pista non potevo guidare usando la mia consueta tecnica, tranne nell’ultimo passaggio, infatti, il mio tempo sul giro è sceso notevolmente”.

Abbiamo visto la tua Pirelli posteriore scivolare e fumare…

“Il terzo posto era il massimo che potessimo fare oggi ad Imola; abbiamo migliorato la Ninja durante il weekend, ma per le prossime gare dobbiamo compiere uno step più importante. Oggi la gomma posteriore fumava parecchio, faticavo nelle curve e non ho potuto sfruttare nemmeno la anteriore”.

Infine, Sykes accusa Badovini dopo la rottura del motore che ha generato l’esposizione della bandiera rossa: “oggi Badovini è stato uno stupido; lui sapeva che il motore della sua ZX10R si stava rompendo ma, anziché proseguire di lato, è rimasto al centro della pista. Sono molto contrariato con Ayrton, perché è un pilota di grande esperienza, ma qui ha creato problemi agli altri corridori nel giro di inizio della gara”.

Anche oggi Jonathan Rea ha dovuto accontentarsi: un altro secondo posto per il nordirlandese due volte Campione del Mondo, sempre alle spalle del suo rivale più acerrimo, Chaz Davies.

Ci ha comunque provato Johnny a vincere, ma ad Imola non è stato proprio possibile per lui e per la sua velocissima (ed ufficialissima) Ninja ZX10RR: “in realtà sono contento di come siamo andati qui ad Imola -ha svelato Johnny- perché due secondi posti rappresentato un ottimo risultato. Considerando la nostra storia su questa pista, Imola è una delle migliori per me e per la Kawasaki ed ora ho un vantaggio in classifica di 74 punti”.

Che gomme avevi scelto oggi?

Durante il warm up della mattinata, abbiamo cambiato alcuni regolazioni della nostra moto; inoltre, ho portato in gara una gomma anteriore soffice del tutto nuova, cha aveva aspetti positivi e pure negativi; da metà gara in poi, lo pneumatico soffriva sui lati, perché era troppo morbido per le temperature di oggi”.

Quale è stato il momento chiave della corsa?

Ho commesso un errore alla Variante Alta: ho sbagliato la frenata, perché ero nella marcia sbagliata. Di conseguenza, ho perso accelerazione in uscita, lasciando passare chi mi seguiva. Non volevo saltare la chicane, perché sapevo che mi sarei imbattuto in un ride through. Ho recuperato posizioni nei giri successivi ma era impossibile raggiungere Davies”.

 

 

 

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti