Tu sei qui

MotoGP, Vinales precede Marquez, Dovi e Lorenzo davanti a Rossi, 8°

Nella FP1 l'alfiere Honda incassa mezzo secondo, ma senza aver utilizzato la gomma nuova, 9° A. Espargarò, 10° Petrucci

MotoGP: Vinales precede Marquez, Dovi e Lorenzo davanti a Rossi, 8°

Austin è da sempre la pista di Marc Marquez, ma occhio a questo Maverick Vinales. Già, perché lo spagnolo non ha la minima intenzione di fare sconti in Texas. La prima sessione di libere sorride infatti all’alfiere Yamaha, che sigla il riferimento in 2’04”923, a circa due secondi dalla pole realizzata lo scorso anno dal cinque volte iridato. È stato l’unico a scendere sotto i 2’05”, utilizzando inizialmente lo pneumatico morbido per passare a quello duro.

Il numero 25 svetta, mentre il portacolori Honda deve accontentarsi del secondo crono a oltre cinque decimi dal leader del Campionato (+0.577). Bisogna però sottolineare che Marc non ha utilizzato la gomma nuova a differenza del rivale,  lavorando sempre con lo stesso treno dall’inizio alla fine.  Precede Andrea Dovizioso (+0.681), che nel finale di sessione è riuscito a scalzare dalla terza piazza Johann Zarco (+0.867) sempre presente nelle posizioni che contano. Alle spalle del francese, con soli 43 millesimi da recuperare, Alvaro Bautista (+0.910), sempre più a suo agio in sella alla Ducati.

Segnali di riscossa giungono anche da Jorge Lorenzo. Il maiorchino è rimasto per lungo tempo distante dai migliori poi, a tre minuti dalla fine, ecco il colpo di reni che gli ha consentito di agganciare il sesto posto (+1.094) davanti alla Honda di Pedrosa. Occhio però al distacco che supera il secondo.

Inizio a rilento per Valentino Rossi, sceso in pista con la gomma media e poi la morbida. Il Dottore ci ha abituato a prendere con le pinze le prestazioni del venerdì, perché la domenica si trasforma. La sua M1 soffre particolarmente nel primo settore, dove lascia per strada quasi un secondo. A fine turno è ottavo (+1.369), seguito dall’Aprilia di Aleix Espargarò  e la Ducati Pramac di Petrucci.

Resta fuori dalla top ten Cal Crutchlow, undicesimo e autore di uno scivolone, soltanto sedicesimo Andrea Iannone. Una mattinata da dimenticare per il pilota di Vasto, alle prese con problemi di ciclistica alla Suzuki. Serve invertire la rotta il prima possibile, perché il distacco da Vinales sfiora i due secondi. Addirittura ventesimo Rins.   

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti