Tu sei qui

SBK, Test Jerez: Rea imprendibile, anche per le MotoGP

L'alfiere Kawasaki secondo solo a Barbera, Davies precede Sykes e Alex Lowes, 5° Savadori, 6° Melandri

Test Jerez: Rea imprendibile, anche per le MotoGP

A Jerez esce il sole e in pista brilla la Kawasaki di Johnny Rea. Un mercoledì da dominatore per il campione in carica delle derivate, che ha archiviato il turno con il tempo di 1’39”739. Nella classifica assoluta di giornata, che ha visto in pista anche alcuni team di MotoGP, lo troviamo addirittura al secondo posto, distante poco più di un decimo (+0.125) dal riferimento della Ducati di Hector Barbera (1’39”614).

Bisogna comunque sottolineare che per l’irlandese questo è già il terzo giorno di test a Jerez, nonostante l’avvio col maltempo, mentre per i protagonisti del Motomondiale l’appello è iniziato soltanto in tarda mattinata. L’iridato non ha lasciato nulla al caso, confermando il potenziale visto una settimana fa ad Aragon, tanto da essere l’unico ad abbattere il muro dell’1’40. Oltre sei decimi il distacco rifilato alla Ducati di Chaz Davies, primo degli inseguitori (+0.670).

L’inglese ha proseguito il lavoro di sette giorni fa, provando il nuovo materiale e cercando allo stesso tempo riscontri positivi da motore e ciclistica. Stesso discorso per Marco Melandri, chiamato a scoprire e prendere sempre più confidenza con la Panigale. Il ravennate deve accontentarsi però del sesto crono, con il miglior riferimento in 1’41”288 dopo 60 tornate, otto in meno rispetto a quante disputate dal compagno.

Fa meglio di lui l’altra Kawasaki, ovvero quella di Tom Sykes, che al termine dei 49 giri realizzati precede in terza piazza di tre decimi la Yamaha di Alex Lowes, che proprio oggi inizia il suo lavoro sul tracciato di Jerez. Chi lo conclude è invece Lorenzo Savadori. Il cesenate archivia l’appuntamento sul tracciato spagnolo, in sella all'Aprilia Milwaukee, col quinto crono a soli 63 millesimi dalla R1 del pilota britannico.

Più staccato il compagno Eugene Laverty, addirittura ottavo alle spalle della MV Agusta di Leon Camier. Alle spalle dell’irlandese si inserisce Michael van der Mark. L’olandese è il pilota rimasto in pista più a lungo in questo mercoledì con ben 84 tornate all’attivo.

Domani si torna in pista alle ore 10.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti