Tu sei qui

Moto3, Bagnaia: ho vinto la gara e un test sulla Ducati MotoGP

"Avevo fatto una scommessa con Borsoi". Sulla gara: "c'era olio, andava fermata. E' stata la più difficile e la più bella della mia vita"

Bagnaia: ho vinto la gara e un test sulla Ducati MotoGP

Francesco Bagnaia a Sepang ha vinto molto più di una gara e il suo premio lo riceverà martedì dopo il GP di Valencia. Quel giorno salirà sulla Ducati MotoGp per uno specialissimo test. “Avevo fatto una scommessa con Borsoi: se quest’anno avessi vinto due gare mi avrebbe fatto provare la Desmosedici” racconta emozionato il pilota di Aspar.

Detto e fatto, dopo l’Olanda Pecco ha fatto sua anche la Malesia e, prima ancora di salire sulla Moto2 per la prima volta a Jerez, guiderà la GP14 della squadra spagnola.

Hai pensato alla scommessa durante la gara?
Dico la verità: sì. Quando ho visto la bandiera rossa e ho capito di avere vinto ero felicissimo”.

E’ stata una gara molto strana, con tante cadute. C’era qualche problema in pista?
Sì, c’era una lunga striscia d’olio alla curva 7 ed era molto facile cadere in quel punto. Secondo me la gara andava fermata, era troppo pericoloso.

Che gara è stata dal tuo punto di vista?
La più difficile della mia carriera, ma anche la più bella. Sono stato davanti a tutti e da solo per praticamente tutta la gara, non è facile rimanere concentrati e non commettere errori”.

Francesco BagnaiaA cosa pensavi in quei momenti?
Non finiva più, pensavo solo alla curva 7, stavo attento per non salire sull’olio. Avevo visto alcuni piloti cadere dal maxi schermo e poi Binder davanti a me, senza Brad e Navarro, che andavo forte, è stato più facile. Ho cercato di guidare pulito e il mio vantaggio aumentava, allora ho iniziato a gestire”.

Era la prima volta che ritrovavi in una situazione del genere?
Mi era capitato una volta nel CEV, ma questa è stata la gara migliore della mia vita. Quest’anno sono cresciuto molto anche di testa, non so se lo scorso anno avrei potuto correre come ho fatto oggi”.

Qual è stata la tua vittoria più inaspettata: quella di Assen o quella di oggi?
Quella in Olanda, perché qui ero stato nei primi tre in tutti i turni. Abbiamo fatto un gran lavoro che ci verrà utile anche per Valencia”.

Sarà la tua ultima gara in Moto3, hai qualche rimpianto?
Sono alto 1,78 metri e peso 63 Kg, ormai faccio fatica a stare su una Moto3, non fossi cresciuto così tanto sarei rimasto”.

In Spagna potrai anche puntare al secondo posto nel Mondiale…
Bastianini è a 19 punti, sono tanti ma non so quali siano le sue condizioni fisiche. Intanto mi accontento del 3° posto”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti