Tu sei qui

BMW, la MotoGP non ci interessa

"Spendiamo invece nel prodotto moto". Ma da 18 anni forniscono la 'Safety Car' al campionato

BMW, la MotoGP non ci interessa

Il boss di BMW Motorrad ha detto che la casa tedesca non ha alcun interesse a competere in MotoGP, ed è molto più attenta alle vittorie della BMW S1000RR nei test di prodotto.

In una intervista rilasciata a MCN questo è quanto ha detto Stephan Schaller, il capo  dell'intera divisione moto.

In realtà la domanda è fine a sé stessa. Voci di un interessamento della casa tedesca alla classe regina del motociclismo si sono succedute negli anni, e non senza motivo: addirittura Luca Cadalora è stato coinvolto in una fase iniziale di un progetto MotoGP, poi abortito e trasformatosi successivamente in un impegno nella Superbike che non ha portato alla vittoria di alcun mondiale ed è stato interrotto nel 2013 proprio quando la S 1000 RR sembrava matura.

"Abbiamo optato per uscire dalla Superbike in modo di spendere quei soldi nello sviluppo di moto da strada. Non vedo alcuna ragione per cambiare la situazione. Per quanto riguarda la MotoGP, quando si tratta di soldi BMW ha abbastanza per prendere parte a questo campionato, noi non vogliamo spendere per due ragazzi che corrono in MotoGP".

Pur nella sua assoluta mancanza di novità questa uscita fa riflettere visto che, al contrario, la BMW è presente in MotoGP e addirittura dal 1999 come fornitrice della Safety Car. Quest'anno la nuova e bellissima M2.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti