Tu sei qui

Moto2, Test Jerez: Tutti contro Zarco

Dal 2 al 4 marzo in pista la classe intermedia, con il francese nuovamente favorito

Moto2, Test Jerez: Tutti contro Zarco

Se per i piloti della classe regina le vacanze sono già terminate, quelli della Moto2 possono godersi ancora alcuni giorni di “relax”. Relax si fa per dire, perché durante il lungo inverno nessuno è stato a guardare. Tra cross, flat track e mountain bike c’è stato solo l’imbarazzo della scelta per come preparare la nuova stagione. La campanella tornerà a suonare il prossimo marzo, quando da mercoledì 2 a venerdì 4 tutti i piloti saranno impegnati sul tracciato di Jerez per il primo test del nuovo anno insieme alla minima cilindrata. A qualche migliaio di chilometro di distanza, in pista in Qatar anche la MotoGP.

Rispetto allo scorso anno, il programma della Moto 2 è stato stravolto. Nel 2015 la classe intermedia fece tappa per ben due volte sul circuito spagnolo, questa volta ci sarà un solo appuntamento prima del via del Campionato, seguito da quello di Losail dall’11 al 13 marzo.

Nella sessione andata in scena dal 17 al 19 febbraio, Johann Zarco aveva fatto presagire che il 2015 sarebbe stata la sua annata. Al termine della tre giorni fu proprio il francese il più veloce del gruppo, grazie al crono di 1’42”121. Inizio migliore non poteva quindi esserci per il portacolori Ajo, diventato poi Campione del Mondo, tanto da precedere Sam Lowes. L’alfiere Speed Up è stato costretto ad accontentarsi del secondo tempo per soli 44 millesimi, precedendo l’ex iridato Esteve Rabat (+0.271). Lo spagnolo, in sella allora alla Kalex del team Marc VDS, riuscì a portarsi negli scarichi del britannico, rifilando 18 millesimi a Pons e 92 a Salom. Rincorreva invece il debuttante Alex Rins, secondo poi al termine della stagione alle spalle di Zarco.

In quell’occasione il portacolori del team Paginas Amarillas fu costretto ad accontentarsi del nono tempo (+0.806), preceduto per l’occasione da Lorenzo Baldassarri, migliore degli italiani. Il neo alfiere Foraward accusò solo 59 millesimi dal tedesco Folger. Peggio è andata al compagno Simone Corsi (+1.166), soltanto 17° a oltre un secondo dalla vetta.  Quindicesimo invece Franco Morbidelli (+1.130), preceduto di 29 millesimi dal finlanese Mika Kallio.

La terza e conclusiva sessione di Test IRTA, disputatasi a Jerez nel mese di marzo, ha visto protagonista la pioggia. L’acqua e il freddo hanno infatti condizionato l’ultima tre giorni utile a sperimentare  e sviluppare prima del via della stagione. Dopo il secondo crono di febbraio, Sam Lowes fece la voce grossa, siglando il riferimento con il tempo di 1’44”129. L’inglese sfruttò l’unico momento di pista parzialmente asciutto del mercoledì, mettendo oltre un secondo tra la sua Speed Up e la Kalex del tedesco Folger (+1.078). In terza posizione inseguiva con soli 37 millesimi di ritardo lo svizzero Luthi, precedendo il giapponese Nakagami (+1.522).

Soltanto settimo il campione uscente Esteve Rabat (+1.739), addirittura sedicesimo, a quasi tre secondi dalla vetta, Johann Zarco (+2.932) protagonista il mese precedente della migliore prestazione. Per quanto riguarda la pattuglia degli italiani, toccò a Franco Morbidelli (+2.255) recitare il copione da leader.

Undicesimo crono per il laziale a ridosso della top ten occupata da Kallio. Più indietro Lorenzo Baldassarri e Simone Corsi, rispettivamente in 18^ e 26^ posizione. Per questo 2016 ritroveremo tutti e tre i nostri connazionali con il rientro di Mattia Pasini in Italtrans e quello di Luca Marini, quest’ultimo al via della stagione con i colori Forward al posto di Corsi, accasato in Speed Up. Vietato poi scordarsi di Alessandro Tonucci insieme a Tasca e Federico Fuligni con AGP Racing.

Test Jerez - Tempi 17-19 febbraio

 

Test Jerez - Tempi 17-19 marzo

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti