Tu sei qui

MotoGP, Suppo: gap da Yamaha? l'elettronica la causa

Sui test di Sepang: "più i punti positivi di quelli negativi, più difficile di quanto pensavamo"

Suppo: gap da Yamaha? l'elettronica la causa

Era difficile aspettarsi una Honda così in difficoltà nei primi test del 2016. Nelle ultime stagioni, a Tokyo erano sempre stati molto bravi a partire con il piede giusto e perfino lo scorso anno, quando nel corso della stagione spuntarono importanti limiti, a Sepang la RC213V fu molto veloce.

Ora, invece, gli ingegneri giapponesi dovranno rimboccarsi le maniche per sfruttare nel migliore dei modi i 6 giorni di prove rimasti prima della partenza del campionato in Qatar. Pedrosa ha fatto notare come questo sia “l’inizio con il gap più importanti dagli avversari”, mentre Marquez ha risolto con una battuta: “il primo giorno il ritardo era molto grande, il terzo solo grande”.

Il problema più importante si chiama elettronica, “il passaggio è più difficile di quanto ci aspettassimo” ha commentato il team principal Livio Suppo. I tecnici HRC, infatti, oltre che con il nuovo software sono alle prese anche con un hardware (la centralina Magneti Marelli) che non avevano mai usato prima.

Tradurre la loro esperienza nel nuovo sistema non è un processo automatico e ha bisogno di tempo.

Suppo, però, guarda al futuro con ottimismo: “alla fine di questi primo test posso dire che sono più i punti positivi che quelli negativi - ha affermato - Innanzitutto, entrambi i piloti hanno scelto di usare il motore evoluto. Lo abbiamo fatto provare anche a Crutchlow e Rabat, purtroppo Tito è caduto subito dopo averlo montato mentre Cal ha fatto il suo miglior tempo con quel propulsore”.

Anche le gomme sono promosse.

Michelin ha lavorato sodo e ha portato delle coperture migliori, possiamo essere contenti”, ha garantito.

Infine la nota dolente.

Penso che l’origine del nostro gap dalle Yamaha sia dovuto all’elettronica - ha ammesso Suppo, riflettendo sul 1”303 pagato da Marquez e sul 1”581 da Pedrosa - Senza dubbio il nuovo software ha un grande potenziale, ma dobbiamo ancora lavorarci su”.

In Giappone hanno una decina di giorni prima del secondo esame a Phillip Island.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti