Tu sei qui

Mercato moto, a gennaio comanda Honda

Debutto con il botto per la nuova Africa Twin, prima tra le ruote alte. L'SH si conferma leader assoluto

Mercato moto, a gennaio comanda Honda

Partono con il piede giusto le vendite moto nel nuovo anno. Con un incremento pari al 28,4% rispetto allo stesso periodo 2015, il primo mese del 2016 fa segnare una performance di livello, che lancia segnali di ottimismo per il futuro del settore, almeno per ciò che concerne il targato.

Nei primi 30 giorni le immatricolazioni, nel loro complesso (moto + scooter targati) mettono a segno un guadagno generale del 19,3% pari a 11.090 veicoli venduti, che diventano 4.910 unità se analizziamo le sole "ruote alte".

A dominare la classifica di vendite è al momento Honda che, oltre alla riconferma dell'inscalfibile SH, segna il primato anche con la nuova CRF1000L Africa Twin. L'endurona di Tokyo, al rientro in trincea dopo anni, conferma le aspettative dei tanti appassionati che la reclamavano a gran voce, issandosi in testa alle vendite moto con 509 unità immatricolate e scalzando BMW GS e Yamaha Tracer, inserendosi al terzo posto tra i modelli più venduti in assoluto dietro SH150 e 300 e davanti al 125, quarto. La casa dell'Ala mette a segno un +63,5% nel solo comparto moto.

Un avvio decisamente confortante per Honda dunque, che nell'ancora giovane 2016, comanda la classifica con quattro modelli ai primi quattro posti. C'è curiosità ora nel capire come verranno accolte le altre novità in arrivo con i nuovi NC750X ed Integra 750, la rinnovata Crosstourer ed il trittico delle 500 con CBR, CBX e CBF che debutteranno a fine febbraio e che presto ne andremo a saggiare le doti raccontantovi tutto nei nostri prossimi test in terra spagnola.


MERCATO CHE CRESCE - Nei numeri positivi delle immatricolazioni moto, nel quadro generale troviamo la coferma del segmento compreso tra 800 e 1000cc con 1.611 moto e un +55,4%. Seguono le oltre 1000cc con 1.223 unità e un +23%. Le medie cilindrate ancora in calo nella fascia tra 600 e 750cc con 688 unità flettono di un -3,6%. Segnali di ripresa per le 300-500cc con 737 moto e un +33,5%, crescono anche le 150-250cc con 218 moto e un +9,5% e infine le 125cc con 433 moto e un progresso pari al +31,6%. Stazionari i 50ini (ed è già una notizia) che registrano un sell-in del +0,6%

L’analisi per segmenti delle moto evidenzia il ritorno delle enduro stradali con 2.130 pezzi e un +52,6%; al secondo posto le naked con 1.486 unità segnano un +17,8%; seguono a distanza le custom con 382 pezzi e un +12,7%; ferme le moto da turismo con 334 immatricolazioni e un -0,9%, buono il trend delle sportive con 304 vendite e un +47,6%, infine le supermotard si riprendono con 159 moto pari al +37,1%.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti