Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo Martillo pneumatico a Sepang

Rossi insegue lo spagnolo, Marquez e Crutchlow davanti a Stoner

Lorenzo Martillo pneumatico a Sepang

È servito un terzo indizio per avere la prova che Jorge Lorenzo con le Michelin  ha una marcia in più. Nella terza e ultima giornata dei test in Sepang, caratterizzati a inizio mattinata e nella parte centrale dalla pioggia, lo spagnolo ha messo nuovamente in mostra la propria superiorità.

Oltre ad aver ottenuto il miglior crono, l’alfiere Yamaha è stato l’unico ad abbattere il muro dei due minuti, siglando un  1’59”580. Quasi un secondo rifilato a Valentino Rossi (+0.976), che nel pomeriggio non è riuscito a trovare lo spunto vincente. Si conferma quindi il copione che ha visto i due piloti della Casa del Diapason catturare tutti i riflettori della scena di questa tre giorni malese.

Segnali di crescita anche da parte di Marc Marquez (+1.303). Dopo un avvio in salita lo spagnolo è tornato nelle posizioni che gli competono, agganciando il terzo posto. Il secondo e mezzo che lo separa dalla vetta è segnale chiaro a cui servirà pensare fin dai prossimi test a Phillip Island. Sorprende nuovamente Cal Crutchlow (+1”412). Una tre giorni più che positiva per il britannico, che nel finale di sessione trova la zampata vincente per conquistare il quarto tempo, in sella alla Honda 2015.

Non da meno Casey Stoner (+1”490). In quello che è stato il suo terzo giorno in sella alla Ducati, l’australiano è risultato il più veloce della squadra di Borgo Panigale, staccato di soli 78 millesimi dal pilota LCR. Dall’Igna ha confermato che se dovesse chiedere di partecipare al GP del Qatar, la squadra darebbe ovviamente parere favorevole. Di certo con quei quattro siamo convinti che nessuno si annoierà.

Dopo un mattino in ombra, aggancia la sesta piazza Daniel Pedrosa (+1”581), precedendo di 56 millesimi un ottimo Danilo Petrucci. Alle spalle del pilota di Terni rincorre a sei millesimi Andrea Iannone. Notizie positive giungono da Scott Redding (+1”649), nono, al debutto su Pramac, mentre a completare la top ten Maverick Vinales (+1.664). Fuori dai primi dieci Andrea Dovizioso (+2.080), il quale accusa un distacco di oltre due secondi dalla leadership.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti