Tu sei qui

MotoGP, Stoner migliore Ducati, in pista anche il 3° giorno

"Sapevo di essere veloce, non influisce sulle mie decisioni. Importante provare con gli altri"

Stoner migliore Ducati, in pista anche il 3° giorno

E' stato Casey Stoner il pilota della Ducati più veloce nei test di Sepang oggi, ma forse non è per questo motivo che sarà in pista anche domani.

Il nono tempo assoluto nella seconda giornata di prove va infatti analizzato tenendo conto che l'australiano lo ha realizzato al 37° giro, con la gomma dura, dopo che l'incidente di Loris Baz ha costretto la Michelin a ritirare la copertura di mescola più morbida.

Più veloci del canguro mannaro - al netto della copertura morbida  e quindi tirando ahilui giù dal trono il comunque veloce Petrucci - sono stati Jorge Lorenzo (2.00.155), Cal Crutchlow (2.00.899) e Valentino Rossi (2.01.021).

Casey con il suo 2.01.103 è stato marginalmente più rapido di Iannone che con la soft ha girato in 2.01.152, mentre con la dura ha lasciato sull'asfalto qualcosa in favore del due volte iridato.

Ci sta prendendo gusto Stoner, ma ha ribadito che ciò non influisce (influirà?) sulle sue decisioni future.

"Vi faccio un esempio: sono capace di andare subito veloce anche nelle piste che non amo - ha detto - Quindi il fatto di essere veloce al mio rientro dopo l'incidente di Suzuka non cambia le mie valutazioni. Non ho bisogno di dimostrare di andare forte per desiderare di rientrare".

Fuor di metafora: ragazzi, non ho mai dubitato di essere ancora veloce.

Del resto oggi lo è stato veramente e rispetto a sabato scorso è sembrato anche meno provato fisicamente.

"E' vero, mi sono sentito anche meglio - la sua conferma - in pista ho girato da solo, senza praticamente mai incontrare nessuno. La cosa più importante di questi test, dunque, è avere dei dati assolutamente paragonabili a quelli degli altri. La pista, per esempio, era più pulita e ad ogni uscita abbiamo fatto delle modifiche che ci hanno dato buoni risultati".

Interrogato a proposito delle differenze fra la Ducati che ricordava e questa, Casey ha sottolineato l'impossibilità di dare un giudizio.

"Parliamo di moto di due ere diverse. Io utilizzavo un telaio in carbonio, questo è in alluminio. Sono imparagonabili. E' impossibile anche spiegare in cosa Honda e Ducati sono diverse: ogni moto ha i suoi punti forti e quelli deboli. Posso solo dire che la GP15 ha un ottimo motore, molto potente e sfruttabile".

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti