Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: sono stupito, è stato tutto facile

"Le Michelin si adattano bene al mio stile di guida. Stoner? Potrà stare nei primi tre posti"

Lorenzo: sono stupito, è stato tutto facile

Lorenzo ha iniziato il 2016 come aveva finito il 2015: davanti a tutti. Se possibile, però, è ancora più contento. Anche se non è in ottima forma - prende antibiotici da un paio di giorni e “questa notte ho dormito appena due ore” - il campione del mondo è stato imprendibile. L’unico a girare sotto ai 2’01” (2’00”684), ha fatto la differenza rispetto a tutti gli avversari.

La verità è che stato tutto abbastanza facile e sono anch’io sorpreso di essere veloce con le Michelin - ammette - Riesco a essere più efficace in accelerazione, cosa che con le Bridgestone mi riusciva complicato, senza perdere in frenata. Inoltre anche l’elettronica ha progredito”.

Detto così sembra semplice.

Prima di iniziare tutti hanno qualche dubbio, ma ci sono giorni in cui va tutto bene e bisogna sfruttarli”, spiega.

Questo non significa che non ci sia più niente da fare.

Sull’elettronica, soprattutto, ci sono ancora grandi margini di miglioramento - continua - Stiamo incominciando a capirla un po’ di più e facciamo progressi a ogni uscita. Ho usato soprattutto la M1 più vicina a quella 2015 e domani sarà importante provare anche l’altra a fondo”.

Intanto il cronometro gli dà soddisfazioni.

Se penso che ho fatto quel tempo con 55° e una gomma usata sono soddisfatto, ma siamo ancora lontani dal record del circuito - sottolinea - Sono sicuro che i rivali arriveranno presto, ma intanto con le Michelin mi trovo bene. Qui a Sepang ho sempre fatto fatica a stare nelle prime posizioni, anche se spingevo di più. Le nuove gomme sembrano funzionare meglio per lo stile di guida di alcuni piloti, come me e Pedrosa”.

Infine, fa una previsione sul test di domani di Stoner.

Penso che Casey potrà stare nelle prime tre posizioni”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti