Tu sei qui

MotoGP, Minacce al fan club di Marquez: niente Mugello

BLOG Isoliamo i violenti, denunciandoli. Non sono tifosi di motociclismo

Minacce al fan club di Marquez: niente Mugello

Ieri ha fatto scalpore nel web un comunicato, apparso sulla pagina Facebook del fan club italiano di Marc Marquez, nel quale si avvisavano i soci - oltre 4.000 membri - che quest'anno non sarebbe stata organizzata alcuna trasferta al Mugello.

Colpa della crisi economica? Macchè, il motivo del club è addirittura l'incolumità personale dei soci. Ecco cosa scrivono:

“Con grande rammarico vi comunichiamo che il fan club di Marc NON sarà presente al Mugello per problemi legati alla sicurezza e all'incolumità dei propri soci.

Siamo davvero molto dispiaciuti di dover compiere questa drastica decisione ma la situazione al momento non è delle più rosee e l'ambiente è davvero pericoloso.

Il dispiacere più grande è di non poter tifare Marc e Alex liberamente come avevamo sempre fatto fino a qualche anno fa, ma la situazione è quella che è e finché si continua a buttare benzina sul fuoco (e non parliamo solo di giornalisti e comuni tifosi) , non ce la sentiamo di correre rischi così alti.

Troviamo vergognoso che una tifoseria non possa tifare liberamente il proprio campione senza correre rischi di ricevere minacce, oggetti o addirittura sputi, ma purtroppo anche nel motociclismo siamo arrivati a questo punto.

Speriamo facciate ancora in tempo a comprare i biglietti con lo sconto (termina oggi) ma purtroppo la decisione è stata presa questa mattina.

Speriamo che capiate questa scelta che è stata presa per il bene dei soci”.

L'accusa è di quelle gravi e per prendere una decisione simile l'associazione deve aver ricevuto minacce circostanziate, non semplici sfottò.

Leggete il seguito nel BLOG di Paolo Scalera

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti