Tu sei qui

Moto3, Non solo MotoGP, l'Italia ritrova l''X-Factor'

VIDEO Nel 2015 a Le Mans un podio tutto italiano. Finalmente la Moto3 cresce giovani talenti

Iscriviti al nostro canale YouTube

La MotoGP quest'anno ci ha offerto una stagione eccezionale grazie al duello ravvicinatissimo fra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, ma non è stata l'unica classe a tenerci con il fiato sospeso. Anche la Moto3 è stata bellissima.

Nella minima cilindrata il mondiale è andato a Danny Kent, che ha riportato in Inghilterra un mondiale che mancava dal lontano 1977, l'poca di Barry Sheene. Il duello fra il pilota britannico e Miguel Oliveira, sul finale, è stato entusiasmante, così come le belle prestazioni degli italiani. Il terzo posto di Enea Bastianini, ma anche il 4° di Romano Fenati ed il quinto di Niccolò Antonelli testimoniano la rinascita della scuola italiana.

Una scuola che anche quest'anno è stata portata avanti, più che da ogni altro, da Sky con un team, quello costituto assieme alla VR46 di Valentino Rossi che a ragione di può definire una università della moto.

Il lungo filmato di Sky nel quale Sanchini fa finta di essere un tifoso aspirante pilota che chiede come diventare un professionista e chiude queste note fa capire, più di ogni altra cosa, l'italianità della squadra nelle parole del capotecnico Pietro Caprara: "A Le Mans quando sotto il podio ho applaudito Fenati, Bastianini e Bagnaia mi è scesa una lacrima".

A ragione, perché in realtà la stagione della squadra italiana non era iniziata benissimo.

"In Qatar quasi non abbiamo preso punti, la prima gara è andata male e lì abbiamo fatto un reset deciso - ricorda il team manager Pablo Nieto, figlio del mitico Angel 13 volte iridato - in effetti la svolta è arrivata con il successo di Le Mans, dopo quella gara abbiamo lavorato più rilassati e con ancora più voglia di vincere".

Un desiderio riassunto da Alberto Tebaldi, braccio destro di Valentino Rossi e uno dei motori del team.

"La squadra ha uno spirito fantastico, i meccanici si capiscono a gesti senza parlarsi".

"Siamo contenti, finalmente, perché ora abbiamo una base solida", la conferma di Uccio.

Il gruppo è importante nel motociclismo che anche se la gara in pista è l'espressione di un singolo, dietro ha l'impegno di una squadra.

"E' vero - ribadisce Nieto - in Moto3 siamo arrivati ad un tale livello che non è solo il pilota ma tutta la squadra a contare".

"Del resto - è la chiosa finale di Caprara che ben riassume il concetto -  quando hai spremuto tutto dal mezzo tecnico e non puoi fare di più pensi al lato umano".

Alla fine è quello che ti fa vincere, l'X-Factor, il talento, emerge solo così.


Buona visione!


GUARDA IL VIDEO

 

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti