Tu sei qui

Ducati Multistrada 1200 Enduro: la wild series

VIDEO - L'ex dakariano Beppe Gualini illustra le caratteristiche della endurona di Borgo Panigale

Iscriviti al nostro canale YouTube

Per il lancio della nuova versione Enduro della Multistrada 1200, Ducati dedica una serie di episodi attraverso i quali, a partire dall'ex pilota della Parigi- Dakar Beppe Gualini, affiancato dal test rider Andrea Rossi, mostra agli appassionati le doti della proposta 2016 della Casa di Borgo Panigale.

"The Wild Side of Ducati" è un percorso di 6 puntate dedicato ai patiti del mondo off-road, realizzato tra gli scenari del Sud Italia, Toscana, Sardegna e Spagna con il principale scopo di mostrare in anteprima le doti della maxi enduro bolognese, attraverso immagini ed impressioni a caldo dei tester, ma anche dei tecnici, designer e tutti gli uomini coinvolti nel nuovo progetto Enduro.

Ricordiamo che la nuova Multistrada 1200 Enduro, presentata in occasione della Ducati World Premiere a novembre, in occasione dell'Eicma di Milano, si distingue dalla versione stradale per il becco, ora più pronunciato, ed il parafango anteriore rivisto per proteggere meglio dal fango. Inedite sono anche due cover in alluminio satinato laterali al nuovo serbatoio (da 30 litri). Inoltre, sempre in ottica della guida in fuoristrada, le ruote qui sono a raggi con l’anteriore da 19’’ e la posteriore da 17’’. Diverso anche lo scarico ora in unico corpo del silenziatore che ingloba due uscite, ed il forcellone con braccio lato scarico a boomerang che prende il posto dell'unità monobraccio.

Il Desmo da 1198cc della 1200 Enduro è accreditato di 160CV a 9.5000 giri/min per una coppia massima di 136Nm a 7500 giri/min è omologato EURO4. Anche qui troviamo la novità della fasatura variabile DVT il sistema che, variando in modo indipendente la fasatura dell’albero a cammes di aspirazione e dell’albero a cammes di scarico, regolarizza la linearità della coppia a tutti i regimi, privilegiando l'erogazione ai bassi e medi e la potenza agli alti e con grande attenzione ai consumi, anche per merito dell'accensione a doppia candela. Il cambio prevede una sesta marcia più corta rispetto alle altre Multistrada, per facilitare la guida nei passaggi a bassa andatura.

GUARDA IL VIDEO

 

 


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti