Tu sei qui

MotoGP, Pernat, bravi Bradley Smith e...Mamola

SECONDA PUNTATA (Audio) Il manager genovese conclude il giudizio sulla ''Top Ten'

I primi dieci del mondiale MotoGP sono tutti piloti speciali, ma alcuni arriveranno a battersi sempre per le posizioni che contano, altri no. Ed è questo che fa la differenza. Dopo aver analizzato i 'magnifici cinque' - Lorenzo, Rossi, Marquez, Pedrosa e Iannone - Carlo Pernat chiude la top ten analizzando the best of the est.

IL 'SIGNOR' SMITH - E' stata un po' una sorpresa per tutti. Le sue Yamaha non sono identiche a quelle ufficiali, non dimentichiamolo. Gli è servita la vicinanza di Randy Mamola che gli ha dato molti consigli e lui li ha seguiti. Difficile dire se potrà giocarsi qualcosa di importante. Può darsi però che possa diventare addirittura ufficiale Yamaha nel 2017. E' determinato ma gli manca forse un po' di cattiveria.

DOVI, FORSE HA PATITO IANNONE - E' un pilota molto forte, uno che combatte con Rossi testa a testa come ha fatto lui in Qatar non è da sottovalutare…ha avuto un po' di sfortuna a metà campionato e si è avvitato in quella sfortuna. E' un uomo da campionato, anche se non so se possa vincerlo. In compenso ha aiutato molto la Ducati nello sviluppo. E' forse sottovalutato. All'inizio della stagione era fortissimo, può darsi che abbia patito un po' Iannone.

CRUTCHLOW, DA PODIO, NON DA MONDIALE - E' un pilota un po' sopravvalutato, ti può dare soddisfazioni, ma non è costante per giocarsi qualcosa di importante. Tutte le gare per lui sono diverse. Ha alti e bassi, spesso cade, quando è in gara si agita. E' un bel pilota da podio ma non da mondiale.

POL ESPARGARO', BATTAGLIERO MA... - Mi aspettavo di più da lui, gli do una sufficienza striminzita perché tecnicamente è molto forte, anche del fratello Alex. E' cattivo e battagliero ma un po' mi ha deluso, dovrebbe andare più forte anche di Bradley. Qualche gara buona comunque l'ha fatta.

PETRUX, RE DELLA PIOGGIA - E' stato una gran sorpresa quest'anno, aveva una moto discreta e l'ha sfruttata bene. Sul bagnato è fortissimo, anche più di Valentino. Non ha avuto un background importante nel motomondiale, arriva dalle derivate di serie ed ha corso con un mezzo non competitivo, ma alla prima moto buona ha dimostrato il suo valore. Si è costruito da solo con cattiveria e curiosità. Non so se ha il talento per vincere ma potrebbe essere una sorpresa, perché no?

ASCOLTA L'AUDIO

 

{pb_mediaelmedia=[audio] audio_mp3=[images/ARCHIVIO/2015/Audio/12_Dicembre/secondi5.mp3]}

 

Categoria: 

Audio: 

Articoli che potrebbero interessarti