Tu sei qui

MotoGP, Kallio: la KTM è già ad un alto livello

A Valencia primo test per Mika sulla RC16. Dopo la pausa invernale, il prossimo sarà a febbraio

Dopo appena un mese dal debutto al Red Bull Ring, la KTM RC16 è tornata in pista. Questa volta è stato scelto il circuito di Valencia e il prototipo della futura MotoGP è stato affidato ai due collaudatori Mika Kallio e Alex Hofmann. Il tester tedesco ha guidato la moto sabato, per passare il testimone al finlandese la domenica.

Le prime impressioni sono di Mike Leitner, consulente per il progetto: “sono veramente impressionato da quanto sia riuscito a fare la squadra in appena quattro settimane dopo la prima uscita. C’è già un’eccellente spirito di squadra e significa una veloce risposta in circuito seguita da una ponderata in azienda - ha spiegato - La pista di Valencia ha molto più grip di quella austriaca ma la nostra moto ha funzionato bene. Sono molto contento anche per i nostri piloti, entrambi sono molto professionali e analitici. Alex ci ha dato molte informazioni utili e Mika, dopo un solo giorno, è già a un livello che ci permette di continuare a lavorare per migliorare le prestazioni in generale”.

Per Kallio era la prima volta sulla RC16.

“Chiaramente c’erano tanti punti interrogativi prima del test, ma ora sono molto felici e posso iniziare la pausa invernale con buone sensazioni - ha dichiarato - Alex e la squadra hanno già fatto un lavoro impressionante, non abbiamo patito nessun problema e siamo già a un alto livello. Tuttavia abbiamo ancora una lunga strada da percorrere e sto già pensando al prossimo test. Nell’attesa, andrò a casa e farò qualche gara sul ghiaccio per tenermi in forma”.

Anche Hofmann è sulla stessa lunghezza d’onda.

“E’ bello sentire che abbiamo la stessa opinione sulla moto. Mika ha corso qui poche settimane fa ed è ancora in ‘modalità gara’ - ha spiegato - E’ stato in grado di girare in tempi molto rispettabili alla fine della sua prima giornata su questa moto. Questo rende chiaro che il pacchetto sta funzionando, è un altro passo avanti importante prima dell’inverno”.

Mesi in cui KTM continuerà a lavorare sulla sua MotoGP per riportarla in pista all’inizio di febbraio.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti