Tu sei qui

MotoGP, A Monza Valentino Rossi rincorre la serenità

Il belga Thierry Neuville precede la Ford Fiesta WRC del Dottore al termine della prima tappa, terzo Tony Cairoli

Non uno, bensì due avversari. Se Valentino pensava ad un testa a testa con Neuville al Monza Rally Show, si è dovuto subito ricredere. Sulla sua strada c’è anche Tony Cairoli. Proprio così. L’alfiere KTM è riuscito a strappare il riferimento in occasione della prima speciale, mettendo i due rivali alle spalle. In quella seguente ecco però salire in cattedra Neuville e Rossi, con il belga che a fine giornata precede il pesarese di 1”6, mentre Cairoli è staccato di soli 3”5. Il Dottore è sereno perché sa di avere in tasca la carta vincente da giocare sabato, ovvero la Grand Prix, la lunga prova di quasi 50 km da ripetere per ben due volte.

I pronostici della vigilia sono stati più o meno rispettati.

Sì, siamo tutti molto vicini. Purtroppo sulla speciale d’apertura la macchina si è spenta e ho lasciato 5 secondi per strada. Forse ha giocato la tensione, però è tutto sotto controllo. Diciamo che mi sono sentito come le donne quando spengono l’auto in salita (scherza). Neuville è andato molto veloce, anche Cairoli. Sarà una gran bagarre, ma anche uno stimolo”.

Sabato ci sarà la Grand Prix. E’ in quella speciale che puoi fare la differenza?

In passato sono sempre andato bene, è una prova dove si esaltano la qualità dei piloti da pista. Sarà importane non commettere sbavature ed evitare ogni minima disattenzione, anche se Neuville farà di tutto per tenermi dietro”.

Possiamo dire che questo rally è anche l’occasione per distogliere l’attenzione dal finale di stagione?

Ormai il peggio è passato. La delusione per quello che è successo comunque resta. Voglio però concentrarmi solo su questa gara, in seguito prenderò un po’ di tempo per le vacanze con l’obiettivo di partire carico il prossimo anno”.

Rossi e Monza sembra essere un appuntamento dove è vietato mancare. In passato si è molto discusso di un futuro nei rally. Credi sia ancora possibile?

"A me piacciono molto le macchine. Dieci anni fa c’era questa possibilità,però ho preferito rimanere sulle due ruote. Le moto sono la mia passione e voglio continuare fino a quando me la sentirò.  Magari poi qualcosa potrà cambiare”.

Fenati ha detto che ti ha visto passare nelle libere e ha avuto paura.

Mi dispiace se si è spaventato (sorride). Sono contento che c’è anche lui a questa gara, è una bella opportunità”.

A giugno arriverà sul mercato il tuo videogioco,“Valentino Rossi The Game”.

Sono cresciuto con il gioco di Colin McRae e quindi non può che rendermi entusiasta questa idea. Ci sarà la MotoGP, il Monza Rally, il Flat Track. Diciamo che c’è un po’ di tutto. Abbiamo voluto realizzare questo progetto dando anche spazio ai ragazzi dell’Academy e il loro percorso di crescita. Ci vuole ancora un po’ di attesa però ne varrà la pena”.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti