Tu sei qui

MotoGP, Test: Marquez si conferma, Laverty fratturato

I TEMPI. A Jerez a terra anche Pirro, ma senza conseguenze. Kawasaki domina in SBK

E’ finito il secondo giorno di test a Jerez e questa volta le Michelin hanno giocato un brutto scherzo a due piloti. Chi ha avuto la peggio è stato Eugene Laverty, caduto alla curva 7. Il pilota del team Aspar ha riportato la frattura del radio del braccio sinistro. E' stato portato subito in ospedale dove i medici hanno rilevato la necessità di un intervento chirurgico, che forse verrà effettuato già domani.

Una vera sfortuna per Eugene, che è atteso per sabato all’altare per il suo matrimonio.

Poco prima era caduto anche Michele Pirro, in un punto molto veloce del circuito, la penultima curva. “Stavo migliorando il mio tempo, forse ero troppo veloce - ha scherzato il collaudatore pugliese, che ha riportato solo qualche livido - Ho perso l’anteriore all’improvviso”.

Un limite per le Michelin già evidenziato negli scorsi test e che si è ripresentato, tanto che anche Marquez ha dichiarato di spingere “nelle curve lente, ma tengo un po’ di margine in quelle veloci perché è complicato trovare il limite”.

Marc è comunque stato ancora una volta il più rapido, fermando il cronometro in 1’39”57 al termine di 58 giri. Pedrosa ne ha invece completati 53, il migliore in 1’40”10. Meglio di lui hanno fatto le Ducati, con Scott Redding in gran spolvero in 1’39”7, un decimo più lento Pirro, mentre Petrucci e Barbera hanno girato in 1’39”9. Sopra 1’40” Hernandez e Laverty.

Passando alla SBK, la coppia Kawasaki ha fatto scintille con Tom Sykes primatista in 1’40”316 e il compagno di squadra Jonathan Rea più lento di appena 10 millesimi. Distanti gli avversari, Chaz Davies con la Ducati paga 0”551, Hayden con la Honda 0”688. Quinto tempo per Xavi Fores a 0”724, per 7 millesimi davanti a Davide Giugliano che sta ritrovando gli automatismi dopo il lungo stop. Leon Camier, sulla MV Agusta, è invece distante dal migliore con un distacco di 1”450.

I TEMPI MOTOGP

1. Marc Marquez (Honda) 1’39”57

2. Scott Redding (Ducati) 1’39”7

3. Michele Pirro (Ducati) 1’39”8

4. Danilo Petrucci (Ducati) 1’39”9

4. Hector Barbera (Ducati) 1’39”9

5. Dani Pedrosa (Honda) 1’40”10

I TEMPI SBK


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti