Tu sei qui

Moto2, Valencia: Rabat mette tutti in riga

QP - Pole d'autorità per il Campione uscente che contende a Rins la seconda piazza iridata

Valencia: Rabat mette tutti in riga

Quasi ironia del destino, per l'ultimo Gp della stagione saranno i tre principali protagonisti della Moto2 a partire uno di fianco all'altro in griglia di partenza.

In pole si presenterà Tito Rabat, Campione uscente, che dopo il lungo infortunio è rientrato per l'ultimo appuntamento stagionale nella "sua" Valencia per cercare di agguantare almeno la seconda posizione in campionato. Titolo platonico, è vero, ma pur sempre un piazzamento di prestigio anche alla luce delle avversità patite nell'ultimo mese con l'infortunio al braccio e seguente intervento per rimettere le cose al loro posto.

In scia allo spagnolo partirà Johann Zarco. Il successore di Rabat sul trono di categoria pare essersi rimesso in carreggiata dopo turni di libere non al meglio in quanto a velocità. Se dovesse arrivare tra i primi tre, il francese farebbe suo il record di podi che al momento condivide proprio con Rabat e Marc Marquez. Per lui un distacco dalla pole di 0.138 decimi. A fianco dei due ecco Alex Rins, che porta la sua Kalex a +0.207 decimi dalla testa. Per il rookie ci sarà da sudare per difendersi dagli attacchi di Rabat sul secondo gradino mondiale.

Una prima fila che racchiude se vogliamo i temi di questa stagione della categoria intermedia.

Ad aprire la seconda fila dello schieramento troviamo Thomas Luthi (+0.298), leggeremente attardato dopo aver portato a termine le prove libere al comando, che partirà davanti al nostro Lorenzo Baldassarri (+0.460) che risale la corrente dopo prove libere altalenanti. Sesto Julian Simon che accusa un gap di 0.494 decimi dalla pole.

A scorrere la classifica abbiamo nell'ordine Axel Pons e Takaaki Nakagami che precedono un buon Simone Corsi, nono e staccato di 0.662 decimi da Rabat.

A chiudere la top ten la Speed Up di Sam Lowes, incappato in una caduta a bassa velocità dopo aver schivato un pilota caduto a sua volta davanti a lui. Problema alle dita della mano destra, ma per domani sarà della partita. Ad un soffio dai primi dieci chiude le qualifiche Franco Morbidelli con il tempo di 1.35"935. Fedrico Fuligni partirà 29esimo con un distacco di 2.601. Da segnalare le cadute per Xavier Simeon, e per Alex Marquez che "tocca" l'asfalto per tre volte nel weekend.

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti