Tu sei qui

MotoGP, Marquez denuncia gli inviati de Le Iene

Una colluttazione ieri a Cervera davanti alla casa del pilota. Alzamora: "chiedo rispetto"

Ancora una volta siamo costretti a parlare di vicende che con lo sport non hanno niente a che fare. Ieri, Stefano Corti e Alessandro Onnis, inviati del programma tv Le Iene, erano andati a Cervera per consegnare a Marc Marquez il premio “Coppia di Minchia”. La situazione, davanti a casa del campione, è però degenerata.

Le due Iene avevano raccontato sulla pagina Facebook della trasmissione: “siamo arrivati nei pressi dell’abitazione dei genitori del pilota dove abbiamo incontrato Marc Marquez, suo padre, suo fratello e un loro amico. Quando abbiamo provato a consegnare la nostra coppa siamo stati aggrediti e nella colluttazione hanno rotto la telecamera e sottratto le schede video. Probabilmente volevano una coppa più grossa”.  Il messaggio proseguiva specificando che Corti e Onnis erano in ospedale dove si stavano facendo medicare le lesioni riportate.

Già ieri sera i media spagnoli avevano riportato la notizia aggiungendo particolari, come l’intervento della polizia e alcuni graffi riportati da Marc a causa degli strattoni dei due.

Oggi è arrivato anche un comunicato ufficiale da parte dello staff del pilota che riportiamo integralmente.

Ieri sono accaduti alcuni avvenimenti sfortunati a Cervera. Un gruppo di persone si è presentato a casa del pilota e ha proferito una serie di insulti, compiendo azioni umilianti e ridicole nei confronti del pilota e arrivando anche a prendere a spintoni ed aggredire i suoi parenti più stretti. Data la gravità della vicenda, questi comportamenti sono stati denunciati e si seguirà il normale corso di un’azione penale nei confronti di tale persone.

Il rappresentate del pilota, Emilio Alzamora, date le circostanze, denuncia questi fatti e chiede “che azioni come queste non si ripetano” e “il meritato rispetto sia per Marc che per la sua famiglia”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti