Tu sei qui

Kawasaki svela il suo futuro al Tokyo MotorShow

Nuovi modelli sovralimentati con un occhio di riguardo a divertimento e consumi più che alle prestazioni

Kawasaki svela il suo futuro al Tokyo MotorShow

Il 44° Tokyo Motor Show che apre domani i battenti, è stato scelto da Kawasaki per esporre le idee e la tacnologia che utilizzerà  la prossima generazione di modelli dal marchio di Akashi.

Supercharger e la filosofia “Rideology” sono i capisaldi che guideranno lo sviluppo delle moto del futuro per gli uomni in "verde"come ha confermato lo stesso presidente della divisione motocicli di Kawasaki, Kenji Tomida.

Viene confermata anche per il 2016 la produzione di due moto che nell'ultima stagion tanto hanno fatto discutere gli appassionati. Stiamo parlando delle H2 ed H2R, che per il 2016 prevedono nuove colorazioni, antisaltellamento per la frizione assistita, oltre a nuovi settaggi per la centralina elettronica.

Mr Tomida ha mostrato il bozzetto di un concept svelando un futuro modello sovralimentato e la linea di pensiero di Kawasaki Eavy Industries, a proposito del progetto Supercharger interamente sviluppato e progettato in casa.

Il Concept SC 01 o “Spirit Charger” rappresenta solo una delle direzioni che i designer Kawasaki stanno considerando per la futura linea di moto sovralimentate. Con materiali dalle linee più morbide e ricercate rispetto alle spigolose forme della Ninja H2 e Ninja H2R, lo “Spirit Charger” sarà indirizzato al comfort e al divertimento sia nell’uso quotidiano che sulle lunghe distanze.

Uno degli aspetti più interessanti del progetto sarà la tecnologia Balanced Supercharged Engine, che prevede l'adozione di flap mobili per regolare l'aspirazione e lo scarico dell'aria attraverso la girante del supercharger. Questo per avere un migliore controllo dell'erogazione della potenza , tutto a vantaggio della fruibilità dell'utente nel gestire la guida del veicolo, oltre che in una migliore efficienza globale del motore.

RIDEOLOGY - Definendo con un termine la filosofia di design seguita da Kawasaki, Mr Tomida svela “Rideology” e i tre principi alla base del processo che regola i parametri di progettazione dei modelli Kawasaki del passato, presente e del futuro. In primo luogo la potenza abbinata alla grazie delle linee, divertimento nella guida, e per finire mantenere inalterata la fiducia verso le competenze che esistono all'interno di tutto il Gruppo Kawasaki sfruttando una tecnologia all'avanguardia per arricchire la vita delle persone in tutto il mondo

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti