Tu sei qui

MotoGP, Rossi: Sepang, una gara che vale molto

"Ogni turno sarà importante e dovrò essere rapido". Lorenzo: "la chiave del GP saranno le gomme"

Non c’è campo più difficile di Sepang per una resa dei contri tra Rossi e Lorenzo. Il caldo e l’umidità rendono sfidarsi a 300 km/h un’impresa quasi sovrumana e la nube tossica (provocata dagli incendi delle piantagioni di palma da olio in Indonesia) rende l’aria ancora più pensante.

Welcome to the hell, direbbero gli anglosassoni e la Malesia potrebbe essere tale per uno dei de rivali al titolo. Undici punti sono relativi, tanti o pochi a seconda di quale sia la prospettiva. L’unica cosa certa è che Valentino e Jorge vogliono guadagnarne l’uno sull’altro. Il Dottore vuole arrivare a Valencia con le spalle coperte, il maiorchino con la possibilità di fare uno sgambetto all’avversario nel round conclusivo.

Prima però c’è da pensare a Sepang, dove Rossi nella classe regina ha vinto 6 volte e Lorenzo mai, nonostante i tanti podi. Statistiche che non forniscono sicurezza a nessuno, in una stagione in cui i colpi di scena solo all’ordine del giorno.

Rimangono solo due gare prima della fine del campionato e sarà importante non commettere errori. In Australia ho fatto una buona gara, ma sarebbe potuta andare molto meglio”, dice Valentino.

A Phillip Island ha fatto degli errori e non vuole ripetersi.

In Malesia dobbiamo trovare immediatamente un buon assetto - sottolinea - Ogni turno di prove sarà importante, non solo la gara in sé. La gara di Sepang vale molto e dobbiamo ottenere il migliore risultato in ogni sessione e poi vincere. Arrivo alla fine di questa tripla trasferta con un buon vantaggio ed è assolutamente positivo. Ora ho solo bisogno di due buone fare per terminare questa stagione con successo. Mi sento bene, sono in forma e sia io che i ragazzi del team siamo pronti a fare il nostro meglio”.

La stessa determinazione c’è anche dall’altra parte del box, quello dove lo spagnolo prepara l’affondo finale.

Quella di Phillip Island è stata una gara estremamente eccitante e il risultato non è stato troppo malvagio, considerando che il mio principale rivale è arrivato quarto - ricorda Lorenzo - Ora affronto la gara di Sepang su una pista complicata a causa delle altissime temperature e umidità. Penso che la chiave per lottare per la vittoria saranno le gomme e penso che siamo in lizza per vincere ancora. Il principale obiettivo è togliere altri punti di vantaggio a Valentino e provare ad arrivare a Valencia con un gap più contenuto. Mi sento forte”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti