Tu sei qui

MotoGP, Marquez: ultimo giro? come fossi in qualifica

"Non pensavo fosse possibile riprendere Lorenzo. In futuro voglio lottare per altre vittorie e altri titoli"

L’ultimo giro di Marc Marquez è stato un capolavoro, un distillato di coraggio e talento. Il piccolo diavolo si è trasformato in una saetta, colmando più di 6 decimi di distanza da Lorenzo e riuscendo a superarlo. Lo spagnolo aveva bisogno di un risultato che gli facesse dimenticare le difficoltà recenti e lo ha ottenuto.

Prima della gara mi sentivo molto forte, ma ho trovato sia le Yamaha che la Ducati di Iannone più veloci rispetto alle prove - racconta - A metà gara avevo anche surriscaldato la gomme anteriore per andare a riprendere Jorge, così all’ultimo giro mi sono detto: proviamo a vincere”.

Detto, fatto.

“In verità non credevo fosse possibile riprendere Lorenzo, ho fatto quel giro come se fossi in qualifica - continua - Ho dato il massimo e quando sono arrivato su Jorge ho aspettato di avere la situazione gara prima di attaccarlo”.

Per Marquez è la vittoria numero 50 in carriera.

E’ ancora più speciale, perché è arrivata alla fine di una gara come questa - dice - In futuro voglio lottare per vincere molte altre gare e soprattutto altri titoli”.

Questo successo avrà sicuramente un posto speciale nella sua memoria.

“Prima di partire guardavo la gara della Moto3 e avrei voluto essere lì con loro - rivela - Poi c’è stata questa sfida ed è stata una delle migliori della MotoGP. E’ passata velocissima, a un certo punto mi sono accorto che mancavano solo 5 giri e mi sembrava che fosse appena iniziata, significa che mi stavo divertendo”.

La dimostrazione sono i sorpassi che ha compiuto.

Non so decidermi su quale sia stato il più bello - conclude - Mi ricordo che alla curva 10 Valentino mi ha sorpreso, mi è entrato all’interno e abbiamo rischiato tanto, pensavo andassimo entrambi a terra. Direi che il migliore è però stato l’ultimo, quello che ho fatto su Lorenzo”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti