Tu sei qui

MotoGP, Daniel Pedrosa fa 50: è dominio a Motegi

Seconda piazza per Valentino Rossi che guadagna 4 punti su Lorenzo

Non vinceva dal gran premio di Brno dello scorso anno Daniel Pedrosa.

Non poteva trovare uno scenario migliore per poter tornare a farsi solleticare dallo champagne dal gradino più alto del podio il pilota di Sabadel.

La mente sembra voler tornare al termine della prima gara di questa stagione quando, delusissimo dalle condizioni del suo braccio, in un impeto istintivo, quasi decise di ritirarsi. Poi l'operazione e la riabilitazione, con calma e pazienza. Ed una costante ripresa, la risalita. I primi grandi segnali già ad Aragon.

Oggi Daniel Pedrosa è stato semplicemente perfetto: vittoria numero cinquanta della sua carriera a Motegi, la casa della Honda, che gli ha regalato tutti i suoi successi.

Una partenza consistente, decisa, poi il recupero su Dovizioso, Rossi e Lorenzo, quando questi hanno cominciato a perder terreno per il deterioramento delle gomme: "Non avevo un buon feeling sulla gomma posteriore ad inizio gara. Poi ho preso il mio ritmo sempre costantemente, mentre gli altri hanno cominciato a gestire perchè avevano un calo delle gomme".

Un recupero perentorio e la conquista della bandiera a scacchi, davanti ad un Valentino Rossi che sembrava essersi ritrovato in una situazione non proprio facile. Pioggia si, ma lo scenario non era proprio quello di Silverstone. Già perchè Lorenzo era andato via nel giro di 3-4 passaggi e lui arrancava leggermente, con Dovizioso alle proprie spalle.

Eppure, proprio nei giri conclusivi, l'italiano ha visto il razzo Pedrosa, ed in seguito un Lorenzo sempre più in crisi con le gomme. Un lungo - dello spagnolo - ed un secondo posto agguantato. Rossi oggi guadagna quattro punti in una giornata in cui poteva perderne come minimo cinque. Questi son segnali importanti per il campionato.

Rossi: "Una gara estremamente complicata. All'inizio Jorge stava con me, ma è riuscito a passarmi ed andare via. Per fortuna poi, sono riuscito a recuperare"

Terzo il grande beffato di giornata. Ancora una volta, con un  week end dominato, ma che alla resa dei conti, vede sempre un qualcosa che gli rovina la prestazione finale. Che poi, è quella decisiva. Terzo sul traguardo. Verrebbe da pensare a Silverstone, o a Misano. Alla lista anche Motegi. Potenziali domini risolti così. "Spingere all'inizio mi ha portato nel finale ad avere una gomma davanti messa in condizioni peggiori rispetto a quella di Valentino. Per le prossime gara ho un solo obiettivo, ovvero vincere".

Quarta piazza per Marc Marquez, per una volta sottotono ed in ombra rispetto a Pedrosa (al netto del suo problema alla mano), quinto Andrea Dovizioso, autore di una prestazione solida e convincente, davanti a Crutchlow, Smith, Nakasuga, Barbera e Redding.

 

CRONACA DI GARA

- Partenza valida. Subito ottimo spunto per Rossi, ma in curva tre Lorenzo si riprende la prima piazza. Nella zona centrale della pista sembra meno bagnato l'asfalto. Lorenzo si pone subito davanti e cerca di dettare il ritmo. Rossi secondo davanti a Dovizioso, poi Daniel Pedrosa e Andrea Iannone.

- 23 giri al termine: Jorge Lorenzo in forma anche sotto la pioggia. Valentino Rossi deve difendersi nei confronti di Dovizioso

- 22 giri al termine: 1.8 secondi il distacco tra i due. COndizioni miste quelle su Motegi, che non impediscono a Lorenzo di girare comunque in 1'55.2. Rossi in un giro e mezzo ha quasi due secondi di ritardo. Più indietro, dopo Dovizioso, ecco Pedrosa quarto, davanti a Marquez quinto e Andrea Iannone, sopravanzato però da Aleix Espargaro

- 21 giri al termine: 1'54.867 il riferimento cronometrico nell'ultimo passaggio di Lorenzo che prende un ulteriore secondo a Valentino Rossi, oramai staccato di 2.5 secondi, e che a sua volta ha sei decimi di vantaggio nei confronti di Andrea Dovizioso

- 20 giri al termine: 2.9 secondi il distacco tra Lorenzo e Rossi, con il maiorchino che stavolta ha girato in 1'55. Il motivo? Sta piovendo in alcuni punti leggermente più forte.

*Loris Baz ai box per un cambio moto non previsto dopo un lungo. Pescherà un jolly come Misano? Questa volta sembrerebbe proprio di no.

- 19 giri al termine: lungo per Aleix Espargaro che scende fino in 18esima piazza. Lorenzo continua a dettare il passo, con un vantaggio di 3.139 secondi su Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia si ritrova sempre Dovizioso alle spalle, staccato di 7 decimi.

- 18 giri al termine: altri due decimi guadagnati da Lorenzo su Rossi. Il maiorchino sembra letteralemnte inarrestabile in una gara, per il momento, avara di sorpassi e duelli.

*lungo anche per Stefan Bradl alla staccata prima del ponte.

- 17 giri al termine: scivolata per Jack Miller che riprende però la gara. Nel frattempo però, Lorenzo continua a mantenere la prima piazza inconstrastato e velocissimo. Lo spagnolo di casa Yamaha ha 3.4 secondi di vantaggio su Rossi stesso e 4.2 su DOvizioso.

- 16 giri al termine: per la prima volta, Valentino Rossi gira più forte di Lorenzo, anche se di un decimo. 1'55.5 Lorenzo, 1'55.4 Rossi. Tra i due ci sono comunque 3.2 secondi di distacco.

*Caduta per Danilo Petrucci, che abbandona la corsa. Dopo Aragon una seconda caduta

- 15 giri al termine: ancora un decimo abbondante recuperato da Valentino Rossi, ancora però staccato. Al contempo però, Rossi si è liberato della compagnia di Andrea Dovizioso che sta perdendo sempre più. Un problema per Dovizioso che dovrà guardarsi dietro da Daniel Pedrosa.

- 14 giri al termine: Jorge Lorenzo torna a martellare e si riprende i due decimi pesri precedentemente. Tra i due 3.3 secondi di distacco.

*Problema tecnico per Andrea Iannone che si vede costretto a ritirarsi

- 13 giri al termine: la situazione comincia a farsi particolare. Andrea DOvizioso arriva leggermente lungo e si fa infilare da Daniel Pedrosa alla curva dieci. Lorenzo al contempo guadagna fino a 3.6 secondi di vantaggio su Rossi. Entrambi però hanno alzato il tempo sul giro. Piove ancor di più?

Rossi però dovrà fare i conti con Pedrosa. Dani infatti è letteralmente in palla, anche se staccato a sette secondi dalla vetta

- 12 giri al termine: 1'56.4 il crono di Lorenzo, due decimi meglio Rossi, ma Daniel Pedrosa chiude in 1'55.7

- 11 giri al termine: in questo momento Daniel Pedrosa è colui che continua a girare in 1'55, unico a farlo, mentre Lorenzo e Rossi girano in 56. Pedrosa è oggettivamente in ottima rimonta.

*caduta per Maverick Vinales. Il problema tecnico di Andrea Iannone riguardava come la moto non prendesse più i giri e non salisse più.

- 10 giri al termine: la situazione vede sempre Valentino Rossi a 3.3 secondi di distacco  da Jorge Lorenzo, leader della gara. Daniel Pedrosa è terzo in continuo recupero, tanto da aver messo nel mirino Rossi stesso. Tra i due ci sono solo sette decimi oramai. Quarto Dovizioso, davanti a Marc Marquez, quinto. Sesto Smith, davanti a Cutchlow e Nakasuga

- 09 giri al termine: Pedrosa ha oramai preso Rossi e si prepara ad attaccarlo. E' indubbio come lo spagnolo abbia più velocità e piùspunto in accelerazione rispetto a Rossi. Alla curva nove Pedrosa si inserisce e si prende la seconda piazza. Riuscirà a prendere anche Lorenzo? Rossi nel frattempo, negli ultimi giri, cerca il bagnato per mantenere le proprie moto.

- 08 giri al termine: entrambe le Yamaha sembrano aver consumato, e parecchio, l'anteriore da bagnato. Pedrosa non a caso sta recuperando: 1.8 secondi di ritardo su Lorenzo dai 2.2.

- 07 giri al termine: Pedrosa ha letteralmente ripreso Jorge Lorenzo. Il pilota di Sabadel sembra inarrestabile, e nel giro di pochi passaggi si è fatto sotto al maiorchino di Yamaha. Attenzione però, perchè Lorenzo sembra essere in crisi con l'anteriore. Anche Rossi infatti sta recuperando con un ritardo inferiore ai due secondi. Pedrosa intanto comincia a scuotere Lorenzo e alla staccata della curva undici si prende la testa della corsa. Rossi però al contempo si sta avvicinando fortemente. Lorenzo ha avuto un tracollo delle gomme.

*In pit lane stanno scaldando la moto di Jorge Lorenzo

- 06 giri al termine: Rossi ha guadagnato un secondo e mezzo su Lorenzo solo nell'ultimo passaggio. Lo spagnolo ha evidentemente cotto anteriore e posteriore da bagnato, non avendo trazione. Tra Lorezno e Rossi ci sono sei decimi di distacco

- 05 giri al termine: 1'57.0 il riferimento di Pedrosa. Tra Lorenzo e Rossi ci sonoquattro decimi di distacco.

*ATTENZIONE: Dritto di Lorenzo alla curva tre. Non ha più trazione il maiorchino che vede sfilare Rossi in seconda piazza. Lorenzo ha evidentemente finito le rain, ma mancano solo cinque giri e rientrare ai box per un cambio equivarrebbe ad un suicidio sportivo

- 04 giri al termine: Pedrosa continua a dominare in testa davanti a Valentino Rossi staccato addirittura di 3.922 secondi. Tra Rossi e Lorenzo ci sono due secondi e due decimi. Poi Dovizioso che sembra accusare gli stessi problemi di Lorenzo, braccato da Marc Marquez che lo supera alla staccata della curva cinque.

*In cinque giri la gara si è trasformata completamente. Le rain non hanno retto la distanza di gara con un asfalto che andava asciugandosi sempre più

- 03 giri al termine:  Daniel Pedrosa continua la sua cavalcata con addirittura 5.8 seocndi di vantaggio su Valentino Rossi. Terzo Lorenzo ma si trova a 9.2 secondi dalla vetta.

La situazione rimane invariata fino al termine. Daniel Pedrosa conquista il gran premio di Motegi. Non vinceva da Brno dello scorso anno. Dopo un anno cosi difficile, il pilota di Sabadel centra un meritato successo in casa della Honda. Secondo Rossi davanti a Lorenzo, Marquez , Dovizioso, Smith, Crutchlow e Nakasuga



Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti