Tu sei qui

MotoGP, Bradl: con Aprilia ripartiremo da zero

Stefan pensa al 2016: "la moto sarà completamente diversa. I punti deboli attuali? ciclistica e peso"

Quando si chiude una porta, si apre un portone. A volte i proverbi hanno ragione e Stefan Bradl lo ha sperimentato in prima persona. I guai giudiziari che hanno investito nell’estate il team Forward si sono rivelati per lui una fortuna e il tedesco ha trovato posto in una squadra ufficiale, quella Aprilia, complice l’addio di Melandri. Non solo, ha già firmato anche un contratto per la prossima stagione, quando la Casa di Noale porterà in pista la nuova moto, una MotoGP a tutti gli effetti senza più punti in comune con il modello SBK.

Stefan, Motegi è la tua sesta gara con Aprilia, cosa hai imparato dalle prime cinque?

Il punto debole della RS-GP è riuscire a essere costanti per tutta la gara, quando le gomme iniziano a calare. Per un paio di giri riesco a essere veloce, ma è una moto molto fisica e questo rende complicato mantenere un buon ritmo. Sto cercando anche di adattare il mio stile di guida, per essere meno aggressivo”.

Qual è la causa?

Penso che derivi soprattutto dal telaio, ma anche dal fatto che l’Aprilia è piuttosto pesante e questo incide. Bisogna lavorare molto sul setup, perché diventa importante avere il migliore assetto possibile”.

Qual è invece il punto di forza?

Direi l’elettronica, l’ho trovata molto facile e non aggressiva. Non ci ho messo molto ad adattarmi”.

Nel complesso quale giudizio daresti alla RS-GP?

Sono sincero, non va male ma bisogna lavorare su tanti dettagli. In questo momento il livello in MotoGP è molto alto, ci manca qualcosa in un po’ tutte le aree”.

Stefan BradlHai già parlato con gli ingegneri della moto del prossimo anno?

“Non ancora, ma so che a Noale sono impegnati al 100% su quel progetto. Mi hanno assicurato che sarà completamente diversa da quella attuale”.

Sarei impegnato nella nascita di una moto, è una novità per te…

E’ fantastico perché partiremo da zero, dal foglio bianco. Sarà una grande sfida, ma il bello di essere in una squadra ufficiale è che c’è completa disponibilità per ogni cosa tu chieda”.

Ci sono ancora 4 gare prima della fine, quali sono gli obiettivi?

Andare a punti è l’obiettivo principale. Inoltre sarà importante continuare a lavorare su punti deboli della moto”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti