Tu sei qui

MotoGP, Rossi: più cadute con Michelin che in 14 GP

Valentino lancia l'allarme per il 2016: "sono preoccupato, le nuove gomme sono molto diverse dalle attuali"

Rimangono ancora quattro gare prima che le MotoGP cambino le loro calzature da Bridgestone a Michelin, ma le gomme francesi sono già nei pensieri dei piloti. Del resto le tante cadute nei test non fanno dormire sonni tranquilli in previsione del futuro.

Neppure Rossi è immune, al Mugello era finito a terra con le coperture transalpine all’Arrabbiata 2 “mentre ad Aragon alla seconda curva, un punto veloce. Del resto se non cadi a più di 140 all’ora non riesci a capire bene le gomme”, scherza il Dottore.

Ma è un sorriso amaro, perché rischiare l’infortunio in un momento cruciale della stagione non può fargli piacere. Soprattutto se la colpa non è sua. Infatti Lorenzo, preodorando l’inghippo, in Spagna non era nemmeno sceso in pista.

“Se devo essere sincero, sono molto preoccupato. Sono caduto più in due test con le Michelin che in 14 gare con le Bridgestone”, sbotta. Quando certe parole arrivano da un campione della sua esperienza e del suo calibro non possono essere prese alla leggera. Se ha rotto il silenzio, non lo ha fatto per caso.

C’è una grande differenza rispetto alle gomme che usiamo ora - continua - Sono molto simili alle Michelin che usavamo in passato, richiedono altre traiettorie. Cambierà molto”.

Gommista avvisato…

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti