Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: la spalla? la paura è passata

Jorge ottimista: "domenica sarò quasi in piena forma. Danno pioggia? sarebbe più facile cadere"

Ci sono più dubbi che certezze sulle condizioni fisiche di Lorenzo e Marquez. Non perché i due spagnoli vogliano fare i misteriosi ma perché solo una volta in sella potranno sapere se effettivamente avranno delle limitazioni. Nella conferenza stampa della vigilia, il più ottimista era Jorge. Il maiorchino non portava il tutore al braccio e la sua fiducia era in ascesa.

Sinceramente, dopo la caduta ero molto preoccupato - racconta - Pensavo che la situazione fosse peggiore di quella che si è rivelata. Mi sono tranquillizzato in ospedale, dopo i raggi, e nei giorni successivi. Sento ancora un po’ di dolore quando muovo la spalla, ma la situazione è progredita con il passare del tempo. Penso migliorerà ancora e per la gara non sarò al 100% ma ci andrò vicino.

Il resto lo farà lui, su una pista che ama particolarmente.

Teoricamente questo circuito non è il migliore per la M1, però negli ultimi due anni ero riuscito a trovare un ottimo assetto e a guidare bene - il risultato è stato due vittorie - Mi aveva reso orgoglioso battere qui la Honda e la nostra moto quest’anno si è dimostrata competitiva ovunque. Detto questo, non si può mai sapere cosa accadrà”.

Forse pioverà.

Il meteo non lo posso controllate, chiaramente preferirei l’asciutto, ma sotto la pioggia due anni fa ero stato veloce, ottenendo la pole position. Se sarebbe meglio per la spalla? Lo dirò dopo la gara - ride - Sotto l’acqua ci sono più possibilità di cadere ed è quello che devo evitare”.

Soprattutto con 3 gare consecutive.

Non ci penso troppo, do solo il massimo - garantisce - Anzi, di solito mi trovo meglio perché i muscoli si abituano e sento meno la fatica”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti