Tu sei qui

MotoGP, Iannone: a Motegi protagonisti, spalla permettendo

"Pista bellissima, ho dei buoni ricordi". Dovizioso: "Serve più stabilità in frenata, sono fiducioso"

Il Ducati MotoGP è pronto ad iniziare il lungo trittico d’oltreoceano su una pista “amica”. A Motegi, la Desmosedici ha trionfato in 4 occasioni, anche se l’ultima risale al 2010. I piloti ufficiali Andrea Iannone ed Andrea Dovizioso vantano comunque dei buoni trascorsi al Twin Ring: l’abruzzese vi ha vinto nel 2009 in 125 e nel 2011 in Moto2 (ultimo italiano a salire in cima al podio in Giappone), mentre il romagnolo è salito sul podio in tutte e tre le categorie, vincendo la gara 125 nel 2004 e ottenendo due delle sue tre pole position in carriera sul tracciato giapponese (l’ultima lo scorso anno).

“Ho dei buoni ricordi del circuito di Motegi, perché ho vinto una gara della 125 molto strana nel 2009 e una in Moto2 nel 2011 – ha detto Iannone – A mio avviso è una pista bellissima, anche se l’anno scorso in MotoGP la gara è stata un po’ difficile per me. Quest’anno con la Desmosedici GP15 spero di migliorare decisamente la mia prestazione, sempre che la spalla sinistra non mi dia troppo fastidio in frenata”.

L’obiettivo minimo resta il podio. Se Iannone lo ha mancato di poco ad Aragon, Dovizioso cercherà di sfruttare il tracciato congeniale per risalirci (manca da Silverstone, dove chiuse terzo dietro a Rossi e Petrucci).

“Motegi è una delle mie piste preferite perché si frena molto, e quest’anno spero di riuscire ad essere veloce con la mia GP15, anche se nell’ultima gara di Aragón non ho avuto un gran feeling con la moto – ha dichiarato Dovi –  Cercheremo di modificare il set-up per migliorare la stabilità in frenata, ma in ogni caso vado fiducioso a Motegi perché ho quasi sempre ottenuto dei buoni risultati in MotoGP, conquistando due volte la pole position, sia nel 2010 che lo scorso anno”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti