Tu sei qui

SBK, Aprilia, Haslam: qualcosa è andato storto

"Cambiato tutto ma stessi problemi tra Gara Uno e Due". Torres: "Faticato a riprendere ritmo"

Aprilia, Haslam: qualcosa è andato storto

Nella giornata del trionfo di Lorenzo Savadori nella Stk1000, Aprilia ha raccolto meno di quanto sperasse in SBK. E dire che Leon Haslam ieri era riuscito ad aggiudicarsi – seppur in maniera rocambolesca – la pole position e che le condizioni incerte al mattino avrebbero dovuto teoricamente favorire l’esperienza del britannico, che è cresciuto con questo genere di meteo. Nulla da fare, invece, con Haslam 16º in Gara Uno dopo una sosta ai box e 5º in Gara Due, a ben dodici secondi dal vincitore.

“Oggi qualcosa non è andato per il verso giusto – ha commentato Haslam – I ragazzi tra Gara1 e Gara2 hanno cambiato tutto ma abbiamo avuto gli stessi problemi. Sono deluso perché dopo le prove e la pole position ero convinto di poter fare bene. Nelle prime fasi di gara sono anche riuscito a lottare ma giro dopo giro diventava sempre più difficile. Un quinto posto non è sicuramente il risultato che ci meritavamo oggi”.

Se Haslam piange, Torres non ride. Lo spagnolo ha sì pagato l’inesperienza in condizioni di freddo e umido in Gara Uno (dodicesimo ad oltre un minuto di distacco), ma nel pomeriggio si aspettava di più di un ottavo posto.

“In Gara2 ho fatto un po’ fatica a riprendere il ritmo sull’asciutto, dopo tanti giri fatti con pista bagnata – ha spiegato Torres – Nella prima fase non riuscivo a ripetere i tempi di ieri mattina, mentre nel finale il passo era quello giusto e sono riuscito a recuperare posizioni. In Gara1 semplicemente mi è mancata l’esperienza, su una pista nuova e sul bagnato. Sono condizioni in cui bisogna prendere qualche rischio, la moto si muove molto e bisogna avere la massima fiducia”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti