Tu sei qui

MotoGP, Pernat: per Rossi il peggio è passato

"Duello pulito con Pedrosa. Valentino un po' in crisi ma ora si va su altre piste e resta lui il favorito"

Il campionato MotoGP si avvicina alla conclusione e la tappa di Aragon ha rappresentato un crocevia importante in vista del rush finale. L’arrivederci alla cara, vecchia Europa in vista del ‘trittico’ d’oltreoceano ha coinciso con una gara memorabile e ricca di spunti. Come di consueto, Carlo Pernat non si è tirato indietro ed ha aggiornato i tabellini a quattro round dal termine.

Voto dieci al duello tra Valentino Rossi e Dani Pedrosa, definito dal genovese “incredibile. I due hanno fatto tantissimi sorpassi e controsorpassi, peraltro senza mai toccarsi una volta. Bisognerebbe fare un video e mostrarlo nelle scuole per promuovere il motomondiale e fare vedere quanto sia fantastico”.

Ogni duello ha un vincitore e ieri, un po’ a sorpresa, è stato Pedrosa. Lo spagnolo, che non aveva mai fatto del corpo a corpo il proprio marchio di fabbrica, ha mostrato grinta e astuzia degne di Davide contro Golia.

“Dani è stato incredibile – ha aggiunto Pernat – Se fossi un marziano non l’avrei riconosciuto. È la prima volta che ingaggia un duello del genere. Tanto di cappello, ma purtroppo la forza di Aragon non l’ha mai mostrata nella sua carriera”.

Meno efficace del solito invece Rossi, che secondo Pernat “sembrava un po’ in crisi. La sua moto pagava qualcosa rispetto a Lorenzo ma anche Pedrosa. Forse era un problema di messa a punto, forse fisico. Qualcosa è andato storto, ma il peggio per lui è passato. Le prossime piste gli piacciono di più, e resta il favorito per il titolo”.

Il più bravo, tuttavia, è stato Jorge Lorenzo. Il maiorchino ha preso il largo dalle prime curve, senza poi guardarsi più indietro, recuperando nove punti a Rossi.

“Tanto di cappello a Jorge. Sta facendo come Biaggi nella 250. Prende e va via, ha vinto molti GP in questo modo. Al momento, è il più in forma. Bravo anche Iannone, a cinque secondi dal podio. Ci voleva un risultato così per Ducati, perché hanno dimostrato che la moto è competitiva e che un podio nei prossimi GP sia alla portata”.

Bocciato Marc Marquez, che davanti ai suoi tifosi ha raccolto il quinto “zero” dell’anno.

“In sostanza, Marquez è fuori dal campionato, lo dice anche la matematica. Una cosa incredibile, un’altra caduta. Non capisco come, al secondo giro, si possa andare così forte, così male, e cadere in quel modo. È allarmante in vista della prossima stagione. Con le Michelin, che hanno un anteriore dalle caratteristiche diverse da quello attuale. Con quel modo di guidare, a mio parere, Marquez avrà più problemi degli altri”.

ASCOLTA L'AUDIO

{pb_mediaelmedia=[audio] audio_mp3=[images/ARCHIVIO/2015/Audio/14_Aragon/pernat_aragon.mp3]}

Categoria: 

Audio: 

Articoli che potrebbero interessarti