Tu sei qui

MotoGP, Aragon: Marc Marquez suona la carica

FP3 - Lorenzo non migliora, ma rimane secondo nella combinata. Quarto Rossi

Pronti, partenza, via. Marc Marquez apre la mattina di Aragon con un riferimento cronometrico chiaro, immediato, velocissimo.

Dopo nove minuti stampa un 1'47.380 inarrivabile, miglior tempo delle tre sessioni. Come a dire 'io ci sono' dopo il dominio Yamaha del venerdi. Una sveglia suonata a cui Jorge Lorenzo, evidentemente, non ha dato troppo adito però.

Il maiorchino si è concentrato fin da subito sul passo di gara con gomme usate, chiudendo la sessione in quarta piazza con un crono di 1'47.775, quarto riferimento della mattinata.

Nella classifica combinata, il portacolori Yamaha non ha nemmeno migliorato il riferimento stampato in FP2 ieri pomeriggio (1'47.517) che lo mantiene in seconda piazza, davanti a Daniel Pedrosa e Valentino Rossi.

Il pilota di Sabadel in sella alla Honda si prende la seconda posizione giornaliera in 1'47.663, riferimento che - nella combinata valida per le qualificazioni - lo proietta in terza piazza a 283 millesimi dal riferimento di Marquez. Terzo al sabato, quarto nella combinata Valentino Rossi. L'italiano stampa un tempo di soli 29 millesimi peggio rispetto a Pedrosa, in 1'47.692.

Trio spagnolo in testa quindi, con una coppia italiana formata dal già citato Rossi e da Andrea Iannone, che proprio nelle battute finali della sessione, con gomma più morbida, migliora la propria prestazione chiudendo in quinta piazza (1'47.786) con una Ducati che sta sfruttando i deflettori con una sola 'aletta' di dimensioni più piccole, mentre - da segnalare - la Yamaha ha riproposto le 'alette', i deflettori sotto al cupolino, sulla moto di Jorge Lorenzo.

Tornando alla classifica, sesta piazza per Cal Crutchlow, che chiude con 877 millesimi di ritardo. A seguire Bradley Smith e Pol Espargaro, incapaci di migliorare i riferimenti delle FP2, con l'inglese autore di una caduta alla curva due.

Una curva che ha 'mietuto' diverse vittime, tra cui Maverick Vinales, nono a +1.069, ma anche Baz o Miller. Da segnalare l'undicesima posizione nella classifica combianta di Andrea Dovizioso. Il forlivese, intento a provare diverse soluzioni di elettronica, dovrà prendere parte alla Q1 per soli 51 millesimi, il distacco dall'ultima posizione utile per la Q2, occupata ada Aleix Espargaro.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti